Viaggi e Covid: quarantena abolita per gli arrivi extra Ue, la nuova ordinanza di Speranza dal 1° marzo

Viaggi e Covid: quarantena abolita per gli arrivi extra Ue, cosa cambia dal 1° marzo.

di , pubblicato il
Migliori destinazioni di tendenza

Dal 1° marzo ancora cambiamenti per quanto riguarda i viaggi e gli spostamenti europei e gli arrivi in Italia. Il ministro Speranza, ha firmato un’ordinanza che toglie la quarantena per i rientri dai paesi extraeuropei. Dal primo di marzo, quindi, servirà solo il tampone negativo per poter rientrare o entrare nel nostro paese.

Viaggi e Covid: quarantena abolita per gli arrivi extra Ue, cosa cambia dal 1° marzo

La decisione è arrivata dopo la raccomandazione dei 27 ministri degli esteri dei paesi dell’Unione a “revocare restrizioni temporanee per le persone immunizzate con un vaccino approvato dall’Ue o dall’Oms”.
La curva del contagio infatti sta nettamente migliorando e la maggior parte dei paesi ha già previsto un allentamento delle misure, anche in vista delle vacanza di Pasqua, dove si spera di poter fare il pieno di turisti dall’estero. Secondo una disposizione della Commissione europea, inoltre, in tutta Europa è valido anche il tampone antigenico e non solo il molecolare.

La nuova ordinanza va incontro alle richieste degli operatori del turismo, che avevano chiesto di non lasciare indietro l’Italia nella competizione del turismo. Dunque, dal 1 marzo per chi entra in Italia: “l’ingresso sarà consentito a una delle condizioni del green pass base, certificato di vaccinazione, di guarigione o test negativo”. La quarantena non è più prevista.

Da aprile possibile ripresa del turismo

Secondo un’analisi della Coldiretti: “Lo stop alla quarantena interessa ben 35 milioni di viaggiatori extracomunitari che durante il 2019 sono venuti in Italia”. Altri allentamenti sono previsti il 31 marzo, quando finirà lo stato d’emergenza e proprio nelle prossime settimane si deciderà in che direzione andare e quali regole saranno allentate.

L’ultimo bollettino del 22 febbraio ha segnalato 60.029 nuovi casi, con tasso di positività che scende sotto il 10%, scendono i ricoverati nei reparti ordinari ma rimane alto il numero delle vittime, 322. Ecco il motivo per cui le prossime settimane saranno importanti per decidere cosa fare, anche se ormai quasi quasi certo che da aprile si dovrebbe tornare ad una certa normalità.

Vedi anche: Vacanze, dove serve ancora il Green Pass Covid Eu per viaggiare nel 2022?

Argomenti: ,