Venti di guerra in Ucraina, la Russia sta cercando un pretesto per attaccare?

La guerra in Ucraina è ancora un problema.

di , pubblicato il
Putin

Continua la tensione tra Russia e Ucraina e il rischio di una guerra rimane concreto. Washington ha smentito il ritiro delle truppe russe mentre a Bruxelles è in programma in vertice dei capi di governo.

La guerra in Ucraina è ancora un problema

La guerra in Ucraina non è scongiurata nonostante gli interventi diplomatici delle ultime settimane, la tensione sulla linea di contatto nel Donbass è alta e scendono anche le speranze di una soluzione pacifica. Nelle ultime ore, gli Usa hanno smentito il ritiro delle truppe russe, anzi sembra che la Russia stia inviando nuove truppe al confine e dopo aver iniziato esercitazioni militari in Crimea e Bielorussia. Intanto, l’Ucraina chiede di entrare sotto protezione dalla Nato.

Da Mosca, intanto, si parla di insoddisfazione ma di apertura al dialogo, come ha detto anche il viceministro degli Esteri russo, Sergej Vershinin all’agenzia di stampa Ria Novosti mentre sempre la Russia avrebbe anche ordinato l’espulsione del vice ambasciatore americano a Mosca.

Possibile un’invasione russa

Il vice ministro degli Esteri russo Sergey Vershinin, durante la riunione del Consiglio di Sicurezza Onu, avrebbe anche rigettato le accuse degli Usa secondo cui la Russia sta cercando una scusa per invadere l’Ucraina mentre il segretario di Stato americano Blinken: “Kiev è tra gli obiettivi di un’invasione russa. Il rispetto degli accordi di Minsk sono la base per la soluzione. E la diplomazia l’unica via responsabile per risolvere la crisi” ha detto al Consiglio di Sicurezza Onu. In particolare, gli Usa pensano che la Russia voglia portare false accuse all’Onu per giustificare l’invasione. Da Kiev, intanto, si fa i conti con la possibilità di un’invasione e secondo il capo Dipartimento dei trasporti del Comune di Kiev, Ruslan Kandybor, la metro della città dovrebbe fungere da rifugio in caso di attacco.

Secondo la Cina, sarebbero stati gli americani a provocare la tensione in Ucraina. Secondo l’ambasciatore di Pechino Zhang Jun: “L’allargamento della Nato è una questione che non può essere ignorata di fronte alle tensioni in Ucraina. La sicurezza regionale non può essere garantita attraverso l’espansione di un blocco militare”.

Vedi anche: La terza guerra mondiale è alle porte o il piano segreto di Mosca è un bluff?

Argomenti: ,