'Variante Omicron, quanto resiste sulle superfici? Fino a 8 giorni su plastica

Variante Omicron, quanto resiste sulle superfici? Fino a 8 giorni sulla plastica, il nuovo studio

Variante Omicron, quanto resiste sulle superfici? Ecco il paragone con le altre varianti.

di , pubblicato il
Variante Xf

Da tempo si parla della possibilità di contagiarsi tramite superfici infette e nel corso dei mesi si sono susseguiti vari studi a riguardo. Con la variante Omicron, un nuovo studio avrebbe confermato la capacità di infettare anche dopo essere stato nell’ambiente fino a 8 giorni.

Variante Omicron, quanto resiste sulle superfici? Ecco il paragone con le altre varianti

Lo studio è stato svolto dalla Kyoto Prefectural University of Medicine, in Giappone e pubblicato sulla piattaforma bioRxiv. Lo scopo era misurare i tempi di sopravvivenza e persistenza del virus sulle superfici e i risultati sono strabilianti, anche se in attesa di conferme. Sia che si tratti della variante Omicron, quella che sappiamo essere più contagiosa, che per le altre varianti, si è appurato che Omicron riesce a sopravvivere 193,5 ore, circa 8 giorni, su una superficie di plastica almeno 3 volte in più rispetto alla variante originale e anche rispetto alla Delta, che invece sopravviveva 114 ore.

La variante Omicron resiste 21,1 ore su un modello di pelle, anche in questo caso molto di più rispetto al ceppo di Wuhan, la variante Gamma e la Delta che ne sopravvive circa 16. Omicron resterebbe di più anche ai disinfettanti rispetto al ceppo originario, ma uguale se si guarda alle altre varianti, inoltre avrebbe una maggiore stabilità ambientale, cosa che l’avrebbe aiutata a diffondersi maggiormente.

La variante sudafricana è ormai dominante

Lo studio, quindi, ha rivelato come questa variante riesce ad essere maggiormente contagiosa, anche per via della sua capacità di resistere sulle superfici e nell’ambiente, anche se gli esperti finora hanno sempre detto che il rischio di contagio maggiore avviene per via aerea. Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) , ormai Omicron è dominante in Europa, si parla di una media del 78%.

In Italia è ugualmente dominante, l’ultima analisi di oltre una settimana fa la davano all’80%.

Vedi anche: Variante Omicron 2, il nuovo ceppo preoccupa in Europa: cosa sappiamo ad oggi

Argomenti: ,