'Variante Omicron: obbligo vaccino per Over 40?

Variante Omicron: obbligo vaccino per Over 40? Cosa pensano Crisanti, Andreoni, Pregliasco e Bassetti

Obbligo di vaccino per Over 40 e per altre categorie di lavoratori per contrastare la variante Omicron? Ecco cosa pensano Andreoni, Pregliasco, Bassetti e Crisanti.

di , pubblicato il
Variante Omicron 5 Italia

C’è grande timore per la variante Omicron che dilaga. Proprio per questo giovedì 23 dicembre ci sarà una cabina di regia che valuterà eventuali misure da prendere in vista delle festività sulla base dei dati. In molti vorrebbero l’obbligo vaccinale per gli over 40 o i lavoratori. Ma cosa pensano in merito Bassetti, Andreoni, Pregliasco e Crisanti?

Variante Omicron, c’è bisogno dell’obbligo vaccinale? Cosa pensano Bassetti e Andreoni

Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive del policlinico San Martino di Genova, pensa che l’unico provvedimento da prendere sia il vaccino obbligatorio. Si potrebbe infatti sfruttare la chiusura delle scuole per le vacanze di Natale e vaccinare tutti. In seguito ci dovrebbero essere strutture aperte a tutti coloro che si vogliono vaccinare senza che vi sia bisogno di prenotazione. Chi non si vaccina, poi, dovrebbe pagare una sanzione amministrativa. Il professore spiega che è giusto imporre l’obbligo di vaccinazione ai docenti e alle forze dell’ordine ma bisognerebbe anche procedere per altre categorie di lavoratori nonché per fasce di età dai 40 anni in su.

Anche Massimo Andreoni, primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma, è favorevole all’obbligo vaccinale. Spiega inoltre di esserlo ancor di più ora che è arrivata la variante Omicron. Quest’ultima, infatti, potrebbe mettere davvero in difficoltà gli ospedali. Tale scelta, però, andrebbe presa subito prima che il sistema sanitario possa collassare. Afferma inoltre che l’obbligo del vaccino insieme alle restrizioni per chi ancora non è immunizzato potrebbe aiutare molto.

Obbligo vaccinale per contrastare la variante Omicron: cosa pensano Crisanti e Pregliasco

Fabrizio Pregliasco, docente della Statale di Milano, è favorevole all’obbligo vaccinale per i lavoratori. Renderlo obbligatorio per tutti sarebbe infatti difficile da controllare ed il tutto si ridurrebbe ad una multa per chi è un no vax-convinto.

Inoltre non sarebbe possibile nemmeno fare delle sanzioni troppo elevate per cui nell’ottica di un controllo, quella di rendere obbligatoria la vaccinazione per i lavoratori potrebbe essere un elemento da prendere in considerazione.

Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova, sottolinea infine che in relazione all’obbligo vaccinale ci sarebbero degli elementi da prendere in considerazione. Ad esempio che si guadagna facendo il vaccino. Un obbligo senza la sanzione, per il professore, non avrebbe nessuna efficacia per cui tutte queste cose andrebbero chiarite altrimenti è solo propaganda.
Leggi anche: Nuovo decreto Natale, stretta per la sera di Capodanno in arrivo: tamponi ai vaccinati e coprifuoco alle 23 tra le ipotesi
[email protected]

Argomenti: ,