Variante Delta Plus è già in Italia e si trova in molte regioni, ecco dove i contagi aumentano

La variante Delta Plus è anche in Italia ma ancora non preoccupa troppo.

di , pubblicato il
Coprifuoco

La variante Delta Plus è anche in Italia ed è stata sequenziata in varie regioni. A spiegare come stanno le cose è stato il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro, secondo cui nel nostro paese ci sono numeri di sequenze limitati.

La variante Delta Plus è anche in Italia ma ancora non preoccupa troppo

La variante Delta Plus preoccupa per la maggiore contagiosità. Secondo i primi studi è circa il 10% più contagiosa della variante Delta e forse l’aumento dei contagi in Gran Bretagna è dovuto in parte proprio a questa sottovariante. Il ceppo sembra ormai diffuso in vari paesi europei, tra cui l’Italia.

Come comunicato da Brusaferro in Italia, al 19 ottobre, sono stati fatti 86 sequenziamenti ma la situazione è sotto controllo, anche se il presidente dell’Iss ha raccomandato di non abbassare la guardia poiché lo scopo “è quello di tornare alla piena socialità, a una nuova normalità ma in questo momento dobbiamo sforzarci di mantenere la curva contenuta, coprire le categorie più fragili e garantire attività come la scuola“.

Le province italiane dove i contagi stanno risalendo

Mentre nel resto d’Europa, alcuni paesi stanno vedendo una risalita dei contagi, il nostro paese può vantare una situazione molto più stabile: “Nelle fasce di età più avanzate c’è una stabilizzazione, in quelle più giovani un rialzo. L’RT è a 0,87 ed è un’indicazione di leggera crescita ma rimane comunque sotto il valore di soglia epidemica“.

Intanto, in alcune province italiane, la situazione sembra andare in peggioramento con un aumento dei casi come sottolineato da Giovanni Sebastiani del CNR. Almeno 107 province italiane hanno registrato negli ultimi 30 giorni dei picchi significativi.
Tra le città dove i casi sono cresciuti maggiormente si segnalano Trieste con 150 casi su 100mila, Bolzano, Rieti, Imperia, Enna, Forlì-Cesena, Gorizia, Terni, Viterbo, Pisa, Rovigo, Massa Carrara, Latina, Fermo, Grosseto, Perugia, Salerno, Messina, Cremona e Como.

Attualmente, però, nessuna regione rischia la zona gialla anche se bisognerà vedere come si evolveranno le cose tra qualche settimana.

Vedi anche: Variante Delta Plus è arrivata in Italia: rischio nuova ondata secondo immunologo

Argomenti: ,