Variante Delta Plus è allarme: 50 volte più contagiosa, primi casi anche in Italia

Variante Delta Plus 50 volte più contagiosa del ceppo originario, nuovo allarme in Europa.

di , pubblicato il
Variante Delta Plus

La quarta ondata del covid-19 sta colpendo quasi tutta l’Europa e anche in Italia e Francia, dove la situazione sembrava migliore ma nell’ultima settimana i casi sono aumentati decisamente. A preoccupare è anche la nuova variante Delta Plus, che secondo i virologi è 50 volte più forte del ceppo originario.

Variante Delta Plus 50 volte più contagiosa del ceppo originario, nuovo allarme in Europa

La variante Delta è ormai prevalente in tutto il mondo, ma ora a preoccupare è la Delta Plus, ancora poco diffusa in Italia ma invece molto più diffusa in Gran Bretagna. Secondo Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), che all’Adkronos Salute ha parlato di questo nuovo ceppo:

“Tra chi non ha ancora fatto il vaccino e chi non vuole farlo, diventa un problema gestire la situazione in questo momento, con un virus così aggressivo. Questo ceppo è più forte perché più efficiente nella replicazione quindi in grado di correre veloce. Presenta anche una mutazione di una proteina interna, una proteina N o nucleoproteina, che potrebbe contribuire a renderla più aggressiva”

Secondo l’esperto, questa sotto variante è ancora poco presente in Italia ma invece si sta diffondendo molto in Gran Bretagna, da dove lo scorso maggio era partito tutto con la variante Delta e la sua diffusione in Europa. Per questo motivo con il tempo questa variante Delta Plus potrebbe diventare dominante e molto più pericolosa e contagiosa.

In Europa situazione in peggioramento

Al momento, secondo le mappe europee dell’Ecdc, la situazione peggiore si registra in Austria, Germania, tutto l’Est Europa ma anche Belgio, Olanda, Slovenia, paesi Baltici e parte dei paesi Scandinavi. Il fulcro è nel centro est Europa, mentre alcuni paesi come Francia, Italia, Spagna e Portogallo si trovano in una situazione decisamente migliore ma sicuramente in peggioramento visto che ormai anche quasi tutte le regioni sono nella fascia gialla e alcune regioni nella zona rossa.

Secondo l’ultimo report dell’ISS, invece, a rischiare la zona gialla entro dicembre sono il Friuli Venezia Giulia e la provincia di Bolzano.

Vedi anche: Italia in zona gialla da fine novembre, ecco le nuove regole e cosa cambia con il cambio colore

Argomenti: ,