Vacanza all’estero, i consigli della Farnesina per viaggiare sicuri nel 2022 dopo il Covid

La guida della Farnesina per tornare a viaggiare nel 2022 dopo il covid, le regole per il rientro in Italia.

di , pubblicato il
Bagaglio a meno cibo in aereo

Dal 1° marzo, grazie all’allentamento delle restrizioni contro il Covid, organizzare una vacanza all’estero è più semplice. Sono trascorsi quasi due anni esatti dal primo lockdown nazionale in Italia, e ora il nemico è più visibile di quanto non lo sia mai stato non solo negli ultimi 24 mesi, ma negli ultimi 80 anni. Con l’augurio che si possa tornare alla normalità quanto prima, ecco quali sono i consigli della Farnesina per pianificare un viaggio fuori dall’Europa nel corso dei prossimi mesi.

La guida della Farnesina per tornare a viaggiare nel 2022 dopo il covid, le regole per il rientro in Italia

Grazie all’ultima ordinanza datata al 22 febbraio, ed entrata in vigore dal 1° marzo, chi rientra in Italia da un viaggio in una nazione fuori dall’Unione Europea non deve più osservare la quarantena se in possesso dei seguenti documenti:

digital Passenger Locator Form
green pass

Il digital Passenger Locator Form, il modulo digitale di localizzazione del passeggero, va compilato in ogni sua parte. Se ci si rifiuta di compilarlo, la compagnia aerea potrebbe negare l’imbarco.

Il green base base lo si ottiene dimostrando di aver ricevuto la vaccinazione completa (prima e seconda dose) da meno di 9 mesi, la vaccinazione completa con dose di richiamo (terza dose), di essere guariti dal coronavirus da meno di sei mesi, e con un risultato negativo di un tampone molecolare nelle 72 ore precedenti l’arrivo in Italia o un test antigenico negativo con tampone effettuato 48 ore prima del ritorno nel territorio italiano.

Vacanza all’estero, quando non è obbligatorio il super green pass

Il super green pass non è obbligatorio sui voli internazionali ma solo su quelli domestici.

Allo stesso modo, non è richiesta la certificazione verde rinforzata quando si transita con il proprio mezzo privato nel territorio italiano per raggiungere un porto o un aeroporto dove ci si deve imbarcare per raggiungere una destinazione estera. In questo caso, come ricorda la Farnesina, occorre seguire le regole della nazione dove si è diretti.

Vedi anche: Regole viaggi e covid-19, liste e corridoi turistici aboliti: cosa cambia con la nuova ordinanza dal 1° marzo

Argomenti: ,