Terza dose vaccino anti covid e antinfluenzale: si farà davvero con un vaccino unico? Le ipotesi

Vaccino covid e anti influenzale in una unica dose?

di , pubblicato il
Vaccino

Dal 20 settembre anche in Italia si partirà con la terza dose di vaccino anti-covid 19 ai soggetti fragili e immunodepressi mentre da ottobre dovrebbe partire la campagna vaccinale anti-influenzale.

Vaccino covid e anti influenzale in una unica dose?

Dalla prossima settimana si parte con la somministrazione del terzo richiamo per i 3 milioni di soggetti fragili previsti nel calendario a cui seguiranno tra novembre e dicembre gli over 80 e gli ospiti delle Rsa. Per il vaccino contro l’influenza non ci sono ancora date certe ma sembra che la partenza sarà fissata da ottobre con la novità dei farmacisti che saranno autorizzati a vaccinare le persone da 18 anni in su. Come riporta Il Corriere, non è neppure da escludere che ci sarà un’unica vaccinazione contro influenza e coronavirus. Moderna, ad esempio, avrebbe presentato un vaccino bivalente.

Ad esprimersi in merito al vaccino unico possibile è stato Fabrizio Pregliasco, docente all’Università degli Studi di Milano secondo cui “Un monodose che funga da richiamo antinfluenzale e anti-Covid sarebbe vantaggioso, dal punto economico e organizzativo, soprattutto per le categorie cui è raccomandato proteggersi dall’influenza: over 60 e soggetti fragili”. Per gli altri soggetti, invece, avere un unico vaccino potrebbe essere un incentivo per avere una copertura più ampia. Pregliasco ha anche sottolineato che qualora non ci sarà nessun vaccino unico ma rimarrà quello separato è meglio aspettare due settimane prima di somministrare l’uno o l’altro.

Influenza di quest’anno più presente

Il virologo ha confermato che quest’anno l’influenza potrebbe tornare ad essere più aggressiva a causa dell’allentamento delle misure di sicurezza come la mascherina che non si indossa più all’aperto, oppure il distanziamento e il lavaggio mani, sempre raccomandati, ma non da tutti seguito.

Infine, Pregliasco ha confermato che la terza dose di vaccino anti-covid sarà probabilmente consigliata a tutti. Dopo circa sei mesi, infatti, la protezione cala e se il Green Pass sarà esteso a 12 mesi bisognerà procedere con un richiamo. Il professore, infine, auspica di “arrivare ad una normalità, in cui Covid sia paragonabile all’influenza, offrendo la terza dose solo ai soggetti più fragili”.

Vedi anche: Report Aifa reazioni avverse vaccini anti COVID: aggiornamento sulle segnalazioni ed effetti collaterali

Argomenti: ,