Stato d’emergenza prorogato ancora e addio all’obbligo della mascherina all’aperto dal 15 luglio

La nuova possibile proroga dello stato d'emergenza divide i partiti.

di , pubblicato il
Stato d'emergenza

Lo stato d’emergenza sarà probabilmente prorogato al 31 dicembre. La notizia è di poche ore fa e già divide i partiti. Ad oggi la scadenza dello stato di emergenza è fissata al 31 luglio ma Draghi sembra orientato a prolungare di qualche mese la data, forse appunto il 31 dicembre, ma non è detto, forse si tratterà di un prolungamento di qualche mese. Intanto da lunedì 21 giugno altre sei regioni passano in zona bianca e l’Italia è al 99% nella fascia di minor rischio.

Lo stato d’emergenza divide i partiti

In merito allo stato di emergenza, sia Matteo Salvini che Roberto Speranza pensavano che l’idea migliore fosse quella di non rinnovarlo ma nelle ultime ore si sta facendo largo l’ipotesi di allungare ancora i tempi, anche a causa della variante indiana. E’ stato proprio Draghi a frenare con queste parole: «Serve ancora prudenza, perché è vero che stiamo uscendo dalla pandemia, ma purtroppo non ne siamo ancora fuori». Una decisione che non sembra affatto ben accolta né da Salvini che da Giorgia Meloni mentre trova d’accordo il Pd.

Tra i motivi che stanno spingendo il governo a voler allungare ancora lo stato d’emergenza, c’è la preoccupazione per la variante Delta che ha fatto risalire i contagi in Gran Bretagna, ma anche la campagna vaccinale in corso e il caso seconda dose con Astrazeneca, che sta leggermente rallentando l’approvvigionamento di vaccini. Ad oggi, nonostante manchino 45 giorni alla fine dello stato d’emergenza sembra ormai scontato che sarà ancora prolungato.

Addio all’obbligo della mascherina all’aperto

Accanto all’incognita dello stato d’emergenza, si fa strada anche anche l’idea di togliere l’obbligo della mascherina all’aperto dal 15 luglio.

Ovviamente, la regola della mascherina all’aperto rimarrà nel caso di assembramenti o luoghi affollati.
Dopo la Francia, che ha tolto l’obbligo della mascherina all’aperto, anche la Germania ha anticipato l’allentamento delle restrizioni anti-covid. In Italia, invece, in merito alla mascherina, ormai sembra certo che si parla di metà luglio come data di partenza. Pochi giorni fa il coordinatore del Cts Franco Locatelli parlato di prudenza affermando:

“Capisco la voglia delle persone di emanciparsi da un oggetto anche molto simbolico. Andrà fatto un percorso graduale, partendo dai contesti all’aperto, dove ci sono minori rischi di contagio, per poi passare al chiuso”.

Dal 21 giugno, intanto, anche Marche, Toscana, Calabria, Basilicata, Sicilia, Campania e Provincia autonoma di Bolzano passano in zona bianca. Per la Valle D’Aosta, invece, unica regione rimasta in giallo, bisognerà attendere il 28 giugno. A quel punto il paese sarà tutto in zona bianca.

Vedi anche: Variante Delta in Italia, le Regioni con più casi: Stato di emergenza verso proroga al 31 dicembre

[email protected]

Argomenti: ,