SOS zecche, come difendersi in estate dai fastidiosi insetti

Attenzione alle zecche, è già allarme anche in Italia. In estate diventano un incubo per molti animali e non solo.

di , pubblicato il
Allarme zecche

L’estate quanto arriva arriva, un po’ come il Natale secondo Pozzetto. E con l’estate inesorabili arrivano anche le zanzare, ma non solo, ecco infatti anche le zecche. Come difendersi in questa calda stagione dai fastidiosissimi insetti che ci morsicano la pelle e ci portano via il sangue lasciandosi un prurito terribile che ci costringe a grattarci e a far gonfiare il morso?

Allarme zecche in estate

Forse meno fastidiose delle zanzare, ma probabilmente anche più pericolose. Sono le zanzare a darci un gran fastidio d’estate, ma cosa fanno invece le zecche? Di recente l’Ecdc ha messo in guardia sull’espansione in molti Paesi soprattutto a causa dei cambiamenti climatici. Sono addirittura circa 900 le specie che esistono in tutto il mondo, alcune delle quali presenti nel nostro Paese.

In linea di massima il morso della zecca non è poi così pericoloso e molti nemmeno se ne accorgono, ma in alcuni casi può diventare davvero inquietante e provoca la tick borne encephalitis” (TBE), che coinvolge il sistema nervoso centrale, ma è curabile così come tutte le altre. Il problema delle zecche è che sono costantemente in cerca di ospiti da parassitare, e gli animali sono terreno fertile in questo senso, soprattutto i cani.

Zecche, allarme anche in Italia

Anche in Italia non c’è da scherzarci, e il Veneto ha già diramato l’allarme in questo senso. Anche le zecche, come le zanzare, hanno bisogno del nostro sangue e di quello degli animali che le ospitano. Sono dei parassiti, quindi è nella loro natura approfittarsi di noi. Per eliminare dal corpo ospite servono delle pinzette e una volta rimosse bisogna disinfettare. Ci son vaccini e antibiotici contro i morsi di zecche, ma alcuni consigli di prevenzione sono indossare abiti bianchi, o in generale chiari, e mettere un cappello se ci si inoltra in zone boschive dove solitamente d’estate prolificano.

Argomenti: