Sondaggi politici maggio 2019: Lega torna a sorridere, un punto tra M5S e Pd

Forza Italia e Fratelli d'Italia riescono a raggiungere il 15,2 per cento delle preferenze degli elettori.

di , pubblicato il
Forza Italia e Fratelli d'Italia riescono a raggiungere il 15,2 per cento delle preferenze degli elettori.
Dopo una leggera flessione registrata nelle ultime due settimane, complice il caso Siri e le liti all’interno del governo, la Lega Nord torna a sorridere. Secondo i sondaggi politici di Emg Aqua presentati nel corso della trasmissione Agorà di giovedì 2 maggio 2019, il partito di Matteo Salvini gode del 32,2 per cento delle preferenze degli elettori, facendo registrare un rialzo dello 0,9 per cento rispetto all’ultima rilevazione.
Le elezioni europee si avvicinano e il Carroccio sembra aver ritrovato la strada abbandonata di recente, all’indomani dell’esplosione del caso relativo al parlamentare Armando Siri.

Movimento 5 Stelle e Pd staccati di un punto percentuale

I dati dei sondaggi politici di Emg Aqua del 2 maggio fotografano una situazione relativamente stabile nelle due principali forze politiche opposte alla Lega Nord, Movimento 5 Stelle da una parte e Partito democratico dall’altra. I 5 Stelle, dopo la timida ripresa delle ultime settimane, fa segnare un nuovo stop, scendendo a quota 22,9 per cento (-0,2 per cento rispetto all’ultima rilevazione dello stesso istituto). Stabile, invece, il Partito democratico del neo segretario Nicola Zingaretti, che rimane al 21,9 per cento. Il distacco dalla Lega è intorno al 10 per cento, un divario importante.

Coalizione di centrodestra sopra il 15 per cento

Attualmente, dopo la defezione della Lega Nord (al governo con il Movimento 5 Stelle), la coalizione del Centrodestra può contare sui partiti di Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni. Insieme, Forza Italia e Fratelli d’Italia riescono a raggiungere il 15,2 per cento delle preferenze degli elettori. Se si somma tale valore alla percentuale raggiunta dalla Lega questa settimana, la coalizione originaria del Centrodestra nelle ultime elezioni politiche supererebbe il 47 per cento delle preferenze. Un dato da non sottovalutare all’indomani delle elezioni europee di fine maggio, quando Matteo Salvini e Luigi Di Maio potrebbero decidere di prendere strade diverse sulla base dell’esito delle votazioni.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,