Sondaggi politici europee 2019: calo consistente della Lega – scenari e analisi

I dati dei sondaggi politici per le elezioni europee 2019 confermano il calo della Lega. Chi se ne avvantaggia? Analisi e commenti.

di , pubblicato il
I dati dei sondaggi politici per le elezioni europee 2019 confermano il calo della Lega. Chi se ne avvantaggia? Analisi e commenti.

Come consuetudine, nella serata di ieri, durante il Tg La7, sono stati diffusi i dati dei sondaggi politici per le europee 2019 e i risultati sono stati per certi versi sorprendenti: si segnala, infatti, contestualmente un forte calo della Lega di Salvini e una crescita altrettanto importante del M5S. è chiaro come il caso Siri stia pesando molto sul dibattito pubblico, così come lo scontro tra le due forze che hanno stipulato un contratto di governo: interessante poi anche il dato riguardante la tenuta del governo, dopo il giorno fatidico delle elezioni europee 2019.

Calo Lega e salita M5S: i dati dei sondaggi politici europee 2019 – analisi

La Lega di Salvini sarebbe in calo, almeno stando ai risultati del sondaggio SWG per il Tg La7. Il Carroccio passa dal 31,6% al 30,7% segnando una flessione dello 0,9%: le motivazioni sono probabilmente connesse al caso Siri. Resta comunque il dato di fatto che la Lega resta saldamente in testa e si avvia a vincere in maneira netta la competizione elettorale per le europee 2019. A salire del medesimo 0,9% è proprio il M5S (c’è chi parla di travaso diretto di voti): i Cinquestelle passano dal 21,8% al 22,7%. Il M5S, dunque, riesce nuovamente a sorpassare il PD, che, data la debolezza della nuova segreteria di Zingaretti, non riesce ad avvantaggiarsi degli scontri tra le forze del governo: i Dem passano dal 22,5% al 22,2%. Forza Italia, invece, cresce di uno 0,3% e arriva al 9,1%, mentre Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni perde un notevole 0,4% e passa dal 5% al 4,6% (restando comunque al di sopra della soglia di sbarramento del 4%).

I giochi politici dopo le elezioni europee 2019 saranno sicuramente importanti: la Lega è consapevole che, tornando alle urne, con FI e FdI potrebbe raggiungere il governo del paese con uno schieramento molto più omogeneo, di fatto facendo fuori il M5S.

Gli altri partiti e i dati sulla tenuta del governo: sondaggi politici elezioni europee 2019

Poco più che le briciole per gli altri partiti che parteciperanno alla competizione elettorale e che, al momento, non supererebbero la soglia di sbarramento del 4%.

La Sinistra, guidata da Fratoianni, perde uno 0,3% e si ferma addirittura al di sotto del 3%, al 2,8%. Leggera flessione anche per +Europa con Italia in Comune che si ferma al 2,7% perdendo uno 0,2% rispetto alla rilevazione precedente; infine Europa Verde si attesta all’1,8% salendo nei sondaggi di uno 0,3%.

Ma cosa pensano gli italiani sulla tenuta del governo dopo le elezioni europee 2019? Ebbene, secondo il 61% degli intervistati il governo non terrà a quello che si prevede essere un terremoto: si prevede che cada immediatamente dopo le consultazioni o al massimo nel 2020. Il restante 39% ritiene, invece, che il governo durerà fino al 2023, cioè per tutta la durata naturale. Si tratta di dati che segnalano una perdita dei fiducia degli italiani: la rilevazione precedente, di alcuni mesi fa, vedeva il 44% degli intervistati convinti della durata massima del governo.

Leggete anche: Sondaggi politici maggio 2019: Lega torna a sorridere, un punto tra M5S e Pd.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,