Sondaggi politici elettorali oggi 8 gennaio: la Lega perde l’8,5%, ma gli alleati crescono

Le ultime rilevazioni nei sondaggi Tecnè raccontano il crollo clamoroso del Carroccio, il PD cresce poco ma è molto più vicino.

di , pubblicato il
Le ultime rilevazioni nei sondaggi Tecnè raccontano il crollo clamoroso del Carroccio, il PD cresce poco ma è molto più vicino.

Gli orientamenti di voto nell’anno solare 2020 sono cambiati in maniera abbastanza radicale, a sottolinearlo sono gli ultimi sondaggi politici elettorali dell’istituto demografico Tecnè.

Non si può non iniziare raccontando come la Lega abbia perso l’8,5% di consensi, circa il 30% di elettori in circa un anno. Dal punto di vista dell’alleanza, però, è cambiato davvero poco, perché i voti che andavano a Salvini adesso vanno quasi tutti a Giorgia Meloni e in parte a Silvio Berlusconi.

Dalle parti del governo Conte, invece, si segnala la leggera crescita del Partito Democratico, che adesso dista appena tre punti percentuali dalla Lega (l’anno scorso si trattava di più del 12%), e il calo, più contenuto di quanto si potesse immaginare, per il Movimento 5 Stelle.

I dati sulle intenzioni di voto – sondaggi politici elettorali oggi 8 gennaio

I sondaggi organizzati dall’istituto Tecnè raccontano innanzitutto un dato importante: a rispondere è stato soltanto il 55,6%, mentre il restante 44,4% ha dichiarato di essere incerto o di astenersi.

Per quanto riguarda le intenzioni di voto, troviamo la Lega al 23,2%, quando l’anno scorso nello stesso periodo si trovava al 31,7%: la perdita di consensi si attesta all’8,5%. Altrettanto clamorosa è poi la crescita di Fratelli d’Italia, che è passato dal 10,8% al 16,8% con una crescita del 6%. Anche Forza Italia può sorridere perché, in un anno, passa dall’8% al 10,4%, aumentando i propri consensi del 2,4%.

Se si leggono in maniera aggregata i dati del centrodestra, si nota che la Lega ha perso l’8,5%, ma gli alleati hanno guadagnato l’8,4%: nei fatti, gli spostamenti nelle intenzioni di voto restano interni all’alleanza, a cambiare sono soltanto gli equilibri interni.

Passando invece all’area del centrosinistra, troviamo il Partito Democratico al 20,1% (+0,8% rispetto all’anno scorso), mentre il Movimento 5 Stelle con un calo dell’1,5% si attesta invece al 14,0%.

I cambiamenti risultano essere molto più ridotti rispetto al centrodestra.

Analizzando i dati dei partiti minori, troviamo la Sinistra in crescita dello 0,5% con un risultato del 3,2% e Azione di Calenda con il 3,2% e un +0,9% nell’ultimo anno. A crollare invece è Italia Viva di Matteo Renzi che, perdendo lo 0,9%, scende al 2,9%, al di sotto dell’attuale soglia di sbarramento per entrare in parlamento. Chiudono +Europa con l’1,8% (+0,2%) e i Verdi con l’1,5% (-0,2%).

Le forze che appoggiano il governo Conte hanno perso in un anno circa l’1%. Al momento la situazione delle alleanze sarebbe la seguente: l’opposizione di destra sarebbe al 50,4%, mentre il governo Conte sarebbe al 40,2%.

Potrebbe interessarti: Sondaggi politici al 7 gennaio: Centrodestra sale, male i partiti di governo

[email protected]

Argomenti: ,