'Sondaggi politici al 23 marzo: calano i contrari ai vaccini, vola il PD di Letta e crolla la Lega

Sondaggi politici al 23 marzo: calano i contrari ai vaccini, vola il PD di Letta e crolla la Lega

Gli italiani mostrano responsabilità sui vaccini, mentre i dem guadagnano quasi il 2%. Tutto sugli ultimi sondaggi politici elettorali SWG.

di , pubblicato il
sondaggi politici

Mentre non si placano le polemiche sulla disastrosa gestione della campagna vaccinale in Lombardia, gli italiani, intervistati negli ultimi sondaggi politici elettorali dell’istituto SWG, mostrano di accettare la vaccinazione molto più oggi che non alcuni mesi fa. Si tratta di un segno di responsabilità in un momento in cui la politica europea non riesce a gestire al meglio la situazione.
Dal punto di vista elettorale, l’arrivo di Enrico Letta sembra dare una grande spinta al Partito Democratico, un rinnovamento che va al di là delle polemiche suscitate da alcune sue dichiarazioni; quasi specularmente, si segnala un calo piuttosto netto della Lega di Matteo Salvini. Il Movimento 5 Stelle, invece, riagguanta le terza posizione, spinto dall’ipotesi Giuseppe Conte.

Diminuiscono i contrari alla vaccinazione: i dati a confronto dei sondaggi SWG

Durante il Tg di La7, Enrico Mentana ha mostrato il risultato di un sondaggio d’opinione svolto dall’istituto SWG intorno alla questione vaccinale. Agli italiani è stato chi è contrario alla vaccinazione: il risultato è stato l’11%. A qualcuno potrebbe sembrare un risultato molto alto, ma è nel lungo periodo che va letto e interpretato.
A novembre, quando la campagna vaccinale era ancora lontana, i contrari alla vaccinazione erano il 37% (dunque il 26% – un italiano su quattro), a dicembre era sceso al 34%, a gennaio al 25%, a febbraio il 16% e adesso l’11%. Letti in questo modo, il trend è assolutamente positivo e mostra un grande senso di responsabilità tra gli italiani.
Crollo Lega mentre vola il PD di Letta: i dati degli ultimi sondaggi elettorali
Dal punto di vista elettorale, i sondaggi mostrano una grande incertezza politica con risultati spesso molto differenti da una settimana all’altra. La Lega si conferma il primo partito d’Italia, ma, dopo un periodo di crescita, in una sola settimana perde quasi un punto percentuale e dal 24,2% passa al 23,3%. Più o meno stabile Fratelli d’Italia con 17,1% (+0,1%) mentre Forza Italia cresce dello 0,2% e arriva al 6,7%.


Un importante balzo in avanti lo fa il Partito Democratico, che con la guida di Enrico Letta, guadagna l’1,6% e passa dal 17,4% al 19%. La decisione del nuovo segretario di essere più battagliero e di porre anche questioni di principio sembra essere premiata dagli elettori. Il Movimento 5 Stelle è in ripresa già da alcune settimane, e in queste ultime rilevazioni fa segnare un +0,5%, passando dal 17,0% al 17,5%, riprendendosi la terza posizione.
Passando ai partiti più piccoli, si segnala la crescita di Azione che passa dal 3,2% al 3,4%, Sinistra Italiana che scende dal 2,8% al 2,4% (consensi probabilmente confluiti nel PD), Italia Viva al 2,3% (+0,1%), Mdp/Art. 1 al 2,1% (-0,3%), Verdi al 2,0% (+0,1%), +Europa all’1,2% (-0,8%).
Potrebbe interessarti: Sondaggi politici al 22 marzo: Pd torna secondo, male il M5S
[email protected]

Argomenti: ,