Sondaggi politici 27 luglio, Fratelli d’Italia ha vinto già, ma occhio al complotto

Si aggiornano al 27 luglio i sondaggi politici dedicati ai partiti del nostro paese. La Meloni è ormai imprendibile.

di , pubblicato il
sondaggi politici

Nuovo appuntamento con i sondaggi politici, ancora una volta la Meloni conferma tutto il suo strapotere, ecco come si aggiornano le preferenze degli italiani al 27 luglio stando agli studi effettuati da Termometro Politico.

Sondaggi politici al 27 luglio

Se si andasse a votare oggi, ma lo si farà tra un paio di mesi, la situazione sarebbe questa:

Fratelli d’Italia 23,7%
PD (con Articolo 1) 22,7%
Lega 15,4%
Movimento 5 Stelle 11,9%
Forza Italia 7,6%
Azione/ +Europa 4,3%
Italia Viva 2,5%
Sinistra Italiana/Verdi 2,5%
Italexit di Paragone 2,4%
PC (Rizzo), Ancora Italia, alternativa, RI, comitato no Draghi ecc 1,8%
Unione Popolare (Potere al Popolo, Rifondazione Comunista, De Magistris) 1,3%
Alternativa per l’Italia (Popolo della Famiglia e Di Stefano, ex Casapound) 1,0%
Altro 2,9%

Un punto netto tra primo e secondo posto, ma attenzione al complotto. Da destra infatti già parlano di magheggi mediatici da parte della sinistra per screditare la Meloni, anche questa volta fomentando la paura del fascismo. Naturalmente, la sinistra spedisce al mittente le accuse con altrettanti luoghi comuni, insomma siamo al solito gioco delle parti.

Sondaggi politici, le altre analisi

Più interessanti gli altri studi effettuati dai sondaggisti:

Se alle prossime elezioni ci fosse una lista Draghi, la voterebbe?

Sì, sicuramente 10,4%
La prenderei seriamente in considerazione 15,3%
È molto improbabile 11,3%
No, sicuramente non la voterei 59,9%
Non so/non intendo rispondere 3,1%

Secondo lei il governo che seguirà a quello Draghi sarà migliore?

Sì, penso che sarà migliore 27,7%
Credo sarà un buon governo come quello Draghi 8,6%
Credo sarà un cattivo governo come quello Draghi 12,6%
No, penso che sarà peggiore 29,4%
Non so/non intendo rispondere 21,7%

Da notare il dato che traspare da queste due analisi. Nel primo abbiamo un plebiscito contro Draghi, quasi il 60% non lo voterebbe sicuramente, ma i numero appaiono contrastanti se si considera che comunque una buona fetta di elettori considera che il prossimo Governo non sarà migliore di quello appena caduto. Come si spiega? Semplice, gli italiani non credono più nei partiti, semplicemente li tollerano e stanno accettando questi giochi di trono ormai solo per quietovivere, come se tutti questi politici fossero ora solo dei parenti insopportabili che devi tollerare nelle feste natalizie.

Argomenti: ,