Sondaggi politici 23 marzo, continua il testa a testa tra PD e Fratelli d’Italia

Nuovi sondaggi politici, ecco cosa voterebbero gli italiani oggi e cosa pensano della situazione in Ucraina.

di , pubblicato il
sondaggi politici

Solito appuntamento con i sondaggi politici, ma non solo. Le analisi di Termometro Politico che vi riportiamo oggi 23 marzo non si riferiscono solo ai partiti, ma anche alla situazione mondiale con il conflitto tra Russia e Ucraina che tiene banco.

Sondaggi Politici al 23 marzo

Come promesso, prima spazio ai nostri partiti. Quali sono le intenzioni di voto degli italiani se si andasse a votare oggi? Ancora furente testa a testa tra PD e Fratelli d’Italia, con questi ultimi che ormai guidano la classifica mettendo un gap di un bel punto percentuale nei confronti del partito di centro sinistra. Chiude il podio sempre la Lega a debita distanza.

Fratelli d’Italia 21,7%
PD 20,8%
Lega 18,1%
Movimento 5 Stelle 13,2%
Forza Italia 7,8%
Azione/ +Europa 4,2%
Sinistra/MDP/Articolo 1 3,4%
Italia Viva 2,6%
Italexit di Paragone 2,2%
I Verdi 1,8%
Partito Comunista di Rizzo 1,0%

Sondaggi politici, la questione russa

Come detto, nelle successive analisi si cambia registro e si passa alle conseguenze della guerra. Alla domanda: Sarebbe a favore di interrompere l’importazione di gas e petrolio dalla Russia per mettere pressione sul Cremlino?

Ecco cosa hanno risposto gli intervistati:

Sì, avremmo dovuto già farlo 34,0%
Sono solo per minacciare tale mossa, in caso di rifiuto russo a interrompere l’invasione 15,6%
No, credo che dobbiamo fermarci alle sanzioni attuali 18,6%
No, e anzi, sono eccessive e fuori luogo le sanzioni già imposte 28,3%
Non so/non intendo rispondere 3,5%

Crede sia giunto il momento per la formazione di un esercito unico europeo?

Sì, penso sia un passaggio indispensabile per difendersi meglio da Paesi come la Russia 42,5%
Sono per la creazione di più unità comuni e una più stretta collaborazione, ma devono rimanere gli eserciti nazionali 21,7%
No, sono per una collaborazione europea, ma non nel campo della difesa 8,0%
No, e anzi, dobbiamo renderci meno dipendenti dall’Unione Europea anche in altri ambiti 23,3%
Non so/non intendo rispondere 4,5%

Se l’Ucraina e la Russia dovessero firmare un accordo di pace le sanzioni a Mosca dovrebbero essere tolte o dovrebbero rimanere?

Dovrebbero rimanere finché Putin resta al potere 26,1%
Dovrebbero essere diminuite, ma non tolte completamente 25,2%
Dovrebbero essere tolte a quel punto 24,6%
Dovrebbero essere tolte, non avrebbero dovute essere imposte dall’inizio 21,6%
Non so/non intendo rispondere 2,5%

Potrebbe interessarti anche Ecco il piano dell’Unione europea in caso di guerra nucleare: dalle pillole di iodio alle tute contro le radiazioni

Argomenti: , ,