Sondaggi politici 16 marzo, le intenzioni di voto e il conflitto russo-ucraino

Dalle intenzioni al voto degli italiani alla situazione del conflitto russo-ucraino. Ecco i sondaggi politici al 16 marzo.

di , pubblicato il
Sondaggi politici

Torna l’appuntamento con i sondaggi politici, stavolta ci affidiamo agli studi effettuati da Euromedia Research per conto dell’Osservatorio Politico. Si tratta di un’analisi a 360 gradi che abbraccia non solo le intenzioni al voto aggiornate al 16 marzo, ma anche le opinioni degli italiani sul conflitto russo-ucraino e sulle possibile soluzioni che l’Italia dovrebbe adottare in questa delicata fase storica.

Sondaggi politici 16 marzo, le intenzioni al voto

Partito Democratico-PSE 22,0
Fratelli d’Italia-Meloni 20,3
Lega-Salvini 15,8
Movimento 5 stelle 13,4
Forza Italia-Berlusconi 7,7
Azione-+Europa 5,0
No Europa per l’Italia-ItalExit con Paragone 2,9
Italia Viva 2,0
MDP-Articolo 1 2,0
Federazione dei Verdi-Europa verde 1,8
Sinistra Italiana 1,5
Altri di centrodestra 1,0

Per questi sondaggi torna in vetta dunque il Partito Democratico, mettendo anche un certo gap su Fratelli d’Italia. Scende sempre più invece la Lega di Salvini.

Sondaggi politici, il conflitto russo-ucraino

Passiamo ora alla questione relativa alla guerra in Ucraina con l’invasione da parte della Russia. I sondaggi si sono particolarmente concentrati su questo aspetto perché le ripercussioni del conflitto si stanno scatenando anche sul nostro paese. Ecco cosa ne pensano gli italiani intervistati.

Lei è favorevole o contrario a un ulteriore inasprimento delle sanzioni ai danni della Russa di Putin se questo comportasse un aumento significativo dei prezzi gas, energia e benzina?

Favorevole 38,7
Favorevole solo se fosse per un tempo limitato (2-6-12 mesi) 26,1
FAVOREVOLI 64,8
Contrario 21,1

Lei pensa che l’Italia dovrebbe accogliere i profughi della guerra… e inserirli nella nostra società?

Sì 58,2
No 24,2

Lei pensa che questo conflitto fornirà al nostro Paese l’occasione di cambiare la propria politica e la propria strategia energetica (cambiando fornitori, puntando alle energie rinnovabili, al nucleare…)?

Sì 54,5
No cambierà poco o nulla 32,3

Premesso che tutti vogliamo la fine del conflitto e il ritorno ad una situazione di pace, ma visto quello che sta accadendo…Lei vuole che l’Ucraina resista di fronte all’aggressione russa?

Sì, anche a costo di pagare a tempo indeterminato più denaro per benzina, gas, luce… 20,2
Sì, anche a costo di vedere il conflitto allargato ad altre nazioni 10,2
Sì, a tutti i costi anche quello di un rischio nucleare 6,4
Sì, altro 2,8
TOTALE SI’ 39,6
No.

Visto come stanno andando le cose…meglio arrendersi subito che prolungare l’agonia e rischiare conseguenze peggiori anche per noi 38,2

Potrebbe interessarti anche Cosa sono le armi chimiche quante sono e perché se ne sta di nuovo parlando

Argomenti: