Soldi per armi ed eserciti, quanto spendono i paesi della Nato in investimenti militari?

Il bilancio per armi ed eserciti, ecco quanto spendono i paesi della Nato per la difesa bellica. In arrivo summit a Madrid.

di , pubblicato il
soldi per le armi

Quanto spendono i paesi della Nato per armi ed eserciti? Stilato il resoconto da parte della Nato in merito ai soldi per le armi in vista del summit di Madrid per nuovi investimenti. Si parla di potenziare i componenti dell’esercito da 40mila a 300mila unità.

Nato, soldi per armi ed eserciti

L’alleanza atlantica pensa a potenziarsi al fine di aumentare la forza di risposta rapida in caso di attacchi. C’è da tempo aria di guerra nel mondo. La diatriba tra Russia e Ucraina ha messo in ambasce il mondo intero, con Unione Europea e Stati Uniti pronti a fare fronte comune per evitare di soccombere con gravi danni in caso di conflitto bellico. Particolarmente indicativo per quanto riguarda le spese da sostenere per armi ed eserciti è il Più destinato alla difesa. La richiesta è quella di raggiungere il 2%, ma non tutti i paesi membri della Nato lo hanno raggiunto nel 2022. L’Italia è una di questi, che ha raggiunto soltanto l’1,54%.

Il valore più alto è invece quello della Grecia che arriva al 3,76%., seguono Stati Uniti al 3,47% e Polonia al 2,42%. Dopo l’invasione della Russia in Ucraina però molti paesi stanno pensando di aumentare tale valore, proprio al fine di essere maggiormente pronte in caso di minaccia bellica. Ad ogni modo, benché ci sia la Grecia al primo posto in questa speciale classifica, sono gli Stati Uniti ad elargire maggiori soldi alla Nato. Il totale della spesa militare pro capite di tutti gli alleati in questo anno è di 1.098 dollari, ma senza l’apporto degli USA il valore pro capite scende a 526 dollari.

Nato, tanti soldi per la difesa militare

In totale gli USA solo quest’anno spenderanno una cifra molto vicina ai 722 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra che è il doppio di tutti gli altri paesi Nato messi insieme. L’Italia, ad esempio, spenderà solo 29 miliardi, tanto quantomeno alle previsioni in vista del summit di Madrid che, come detto, tratterà proprio la questione del potenziamento della difesa e dell’aumento dei componenti delle forze di risposta rapida dell’alleanza atlantica. La questione è comunque ancora dibattuta da noi, anche se ormai pare che la decisione generale dei vertici massimi del nostro paese sia quella di assecondare i voleri degli USA ed adeguarsi alle loro richieste.

Argomenti: