Smartphone e tablet in mano ai bambini, uno studio ne svela i rischi

Nuovo studio rivela che dare smartphone e tablet ai bambini sotto i 5 anni porta a conseguenze emotive. Ecco i rischi.

di , pubblicato il
smartphone e bambini

Il nostro tram tram quotidiano ci allontana sempre più dai nostri figli e spesso per tenerli buoni siamo costretti a ricorrere ad aiuti esterni. Dare smartphone ai bambini è la soluzione più semplice, ma comporta dei rischi.

Uno studio rivela che lasciare device in mano a bimbi minori di 5 anni ne modifica le loro reazioni emotive e può avere quindi conseguenze importante sulla loro crescita. Vediamo cosa ci dicono gli scienziati.

Smartphone ai bambini, quanto è rischioso?

Quante volte abbiamo lasciato i nostri piccoli con in mano il nostro telefonino? Spesso si ricorre a mezzi ancora più drastici, come comprar loro un tablet da poter usare in totale autonomia. In questo modo i piccoli si distraggono e ci lasciano fare le nostre faccende quotidiane. Purtroppo, il turbinio della vita moderna non ci consente di dedicare del tempo rilassante insieme ai nostri figli, ma è un tempo che dobbiamo conquistare a costo di rinunciare ad altro, poiché le conseguenze per i più piccoli possono essere davvero pericolose. Non parliamo soltanto dei rischi presenti sul web.

Online infatti esistono tante insidie, spesso anche un semplice video YouTube può traumatizzare i più piccini.

Pensiamo ai tanti video correlati che appaiono nelle ricerche e che finiscono involontariamente per turbare la visione dei bambini. La ricerca pubblicata da Jama Pediatrics approfondisce ulteriormente la questione e va oltre la specifica visione di un particolare video. In realtà è proprio il device stesso a modificare la crescita emotiva del fanciullo. Lo studio è stato effettuato su 422 bambini tra i 3 e i 5 anni, accompagnati naturalmente dai rispettivi genitori. La ricerca ha evidenziato che in questi soggetti è presente una reattività emotiva anomala, caratterizzata da rapidi cambiamenti tra tristezza ed eccitamento, improvvisi cambi di umore e impulsività.

I risultati della ricerca scientifica

Lo studio è stato condotto da Jenny Radesky, dell’Università del Michigan. I soggetti maggiormente esposti sono bambini maschi con forte temperamento. L’esposizione prolungata a smartphone e tablet li rende più sensibili a sentimenti di rabbia, frustrazione e tristezza. Insomma, si tratta di una vera e propria enfatizzazione dell’emotività del soggetto. I rischi sono quindi sicuramente elevati, poiché potrebbe comportare un’alterazione del carattere che andrebbe ad acuirsi con la crescita trasformando potenzialmente il soggetto in un individuo ansioso, depresso o comunque tendenzialmente infelice o aggressivo.

Cosa fare? Radesky consiglia delle valide alternative a smartphone e tablet per i bambini. Utilizzarli di tanto in tanto non rappresenta un problema, ma farlo sistematicamente invece è estremamente rischioso.  Le alternative sono invece quelle di invitare i propri figli a fare altro, ricorrendo a tecniche sensorie. Ascoltare musica è un ottimo modo per tranquillizzarli. Oppure farli saltare su un trampolino per far loro sfogare la loro energia infantile. Molto utile anche lasciarli guardare un libro, meglio ancora un fumetto che possa dar loro la possibilità di empatizzare con le figure disegnate. È possibile inoltre fare un gioco con loro, quello di dare un colore alle emozioni, come il rosso per la rabbia, il blu per la noia, il giallo per l’ansia e il verde per la calma.

Argomenti: