I sette sintomi del Covid-19 che predicono l’infezione: ecco quando è necessario fare il tampone

I 7 sintomi a cui fare attenzione prima di fare il tampone per il Covid-19.

di , pubblicato il
Covid-19, torna il tampone obbligatorio ma solo per chi viene dalla Cina. © Licenza Creative Commons

Ci sono sette sintomi che dovrebbero spingere a fare un tampone e far pensare al contagio della variante Delta o Covid-19. Se si presentano tutti insieme ci sono forti possibilità di essere positivi, almeno al 75%.

I 7 sintomi a cui fare attenzione prima di fare il tampone per il Covid-19

A dirlo è un nuovo studio dell’Imperial College di Londra, pubblicato sulla rivista PLOS Medicine, «Real-time Assessment of Community Transmission-1», secondo cui quando ci sono segnali specifici tutti insieme, la possibilità di contagio è maggiore. Lo studio è stato condotto su 1.147.345 volontari. I tamponi sono stati confrontati con i sintomi che il soggetto ha avuto una settimana prima della positività.

In particolare sono stati sperimentati perdita o cambiamento del gusto e olfatto, febbre, tosse persistente, brividi, perdita di appetito, dolori muscolari. Tutti questi sintomi sono stati associati poi al tampone positivo, soprattutto se si sono presentati tutti insieme, anche se, come hanno sottolineato gli esperti: “Il pericolo, è che molte persone con Covid non verranno testate perché i loro sintomi non corrispondono a quelli utilizzati nelle attuali linee guida sulla salute pubblica per aiutare a identificare le persone infette“.

Come riconoscere i sintomi rispetto all’influenza

Molte persone, infatti, potrebbero avere semplicemente l’influenza o presentare altri sintomi per cui non si sottopongono al tampone. La ricerca vuole aiutare quindi dare una mano a capire quando eseguire il test, anche alla luce della nuova stagione invernale in arrivo e i virus influenzali, che potrebbero confondere le idee.

In genere, se i sintomi si presentano tutti insieme è più facile che si tratti di covid-19, mentre si sperimentano singolarmente vomito, diarrea, raffreddore, mal di gola, febbre o tosse potrebbe essere semplicemente influenza o un altro virus.

Va anche detto, infine, che la variante Delta ha modificato i sintomi e ora si presentano più quelli a carico dell’apparato respiratorio come naso che cola, mal di testa, raffreddore.

Vedi anche: Variante Delta, i paesi sicuri dove viaggiare questo autunno grazie ai nuovi corridoi turistici

Argomenti: ,