Russia-Ucraina, Luigi Di Maio punzecchiato dal ministro degli Esteri di Mosca: ecco perché

Finisce nel mirino del Ministro degli Esteri di Mosca il nostro Luigi Di Maio, la sfida Russia-Ucraina coinvolge anche noi.

di , pubblicato il
Elezioni 25 settembre Impegno Civico

Nient incontri bilaterali per i vertici russi per Luigi Di Maio, questa la sentenza che ha scatenato l’astio della Russia. Il Ministro degli Esteri di Putin ha infatti sottolineato quanto il nostro ministro abbia una strana idea di diplomazia.

Luigi Di Maio, problemi con la Russia

La guerra Russia-Ucraina ha scatenato le ire anche dei nostri politici e Di Maio è stato uno dei già duri in questo senso, tanto che ha voluto chiudere ogni incontro con i vertici russi: “Stamattina ci siamo coordinati con il presidente Draghi circa i prossimi passi da compiere per favorire una soluzione diplomatica. Siamo impegnati al massimo nei canali multilaterali di dialogo. Riteniamo tuttavia che non possano esserci nuovi incontri bilaterali con i vertici russi finché non ci saranno segnali di allentamento della tensione, linea adottata nelle ultime ore anche dai nostri alleati e partner europei”.

Queste le parole di Di Maio. Solo poche ore dopo, Sergei Lavrov, suo pari in Russia, ha commentato in questo modo: È una strana idea della diplomazia. [La diplomazia] è stata inventata proprio per risolvere situazioni di conflitto e di tensione, non per fare viaggi a vuoto in giro per le nazioni o per assaggiare piatti esotici a ricevimenti di gala. I nostri partner occidentali devono imparare a usare la diplomazia in modo professionale”.

Luigi Di Maio bacchettato

È singolare che questa bacchettata ci venga dalla Russia, con una guerra scoppiata proprio perché non si è riusciti a trovare una via diplomatica per risolvere la questione, è però altrettanto importante notare come il Ministro russo voglia punzecchiare Di Maio su questioni che probabilmente sono opinione quasi comune in certi ambienti astiosi, ossia il fatto che il Ministro degli Esteri passi più tempo a godersi il finto ruolo da turista che quello reale di politico in giro per il mondo.

Potrebbe interessarti anche Dal Donbass a Kiev, i piani di Putin e la politica imperialista contro la Nato

Argomenti: ,