'Quarta ondata covid, shopping di Natale con ingressi contingentati

Quarta ondata covid, ipotesi shopping di Natale con ingressi contingentati anche nei mercatini

Quarta ondata covid e shopping di Natale con regole.

di , pubblicato il
Quarta ondata

Il boom dei contagi in Europa a causa della quarta ondata e la situazione in peggioramento anche in Italia stanno portando il governo a decidere per alcune restrizioni o regole in vista delle feste di Natale. Per adesso sono scongiurati lockdown per tutti e chiusure ma si pensa a delle norme da rispettare per fare shopping o entrare nelle zone dove sono presenti mercatini di Natale.

Quarta ondata covid e shopping di Natale con regole

Già nei giorni scorsi a livello locale alcuni sindaci hanno pensato a regole locali per evirare assembramenti durante lo shopping di Natale, che prevede l’accesso a numero chiuso nelle vie del centro, transenne ed accessi contingentati con Green Pass ai mercatini di Natale a Trento e Bolzano. Secondo il virologo Fabrizio Pregliasco, docente della Statale di Milano interpellato dall’AGI, entro Natale non si può escludere che arriveremo a 30mila contagi al giorno a livello teorico secondo i modelli matematici per questo motivo è importante fare attenzione proprio nei luoghi dove si creano incontri e assembramenti, quindi negozi e mercatini di Natale dove sarebbe utile creare ingressi contingentati proprio per evitare la propagazione del virus. Secondo il noto virologo:

“La stagione autunnale non aiuta si sta sempre di più in un ambiente chiuso, con sbalzi termici e l’influenza che si sta rifacendo vedere, facilita il lavoro del virus ma credo che questo inverno sia l’ultima battaglia importante”

Rischio zona gialla

Nei prossimi giorni si saprà quali sono le regioni che potrebbero passare in zona gialla da lunedì 22 o 29 novembre e a quel punto il governo potrà pensare a delle mosse per evitare il peggioramento della situazione.

Ad oggi correre con la terza dose, che da dicembre sarà aperta anche per over 40, vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni e mantenere comportamenti corretti come la mascherina e l’igiene rimangono le basi importanti per evitare conseguenze più pesanti come in altri paesi europei, dove sono già scattati lockdown parziali o per non vaccinati.

Vedi anche: Lockdown selettivi e Natale al massimo in 8: torna l’incubo anche per le feste in arrivo

Argomenti: ,