Quarta dose vaccino anti Covid verso il via libera in Italia, ecco per chi

La quarta dose vaccino Covid solo per soggetti fragili?  

di , pubblicato il
Nuovo vaccino covid quarta dose

Mentre continua la campagna vaccinale per la terza dose, anche se a ritmi più lenti rispetto a gennaio, si torna a riflettere sulla quarta dose e su chi dovrà farla. Intanto, i contagi in Italia sono ancora in calo ed entro marzo la curva dovrebbe scendere al minimo.

La quarta dose vaccino Covid solo per soggetti fragili?

Il prossimo 25 febbraio, l’Aifa inizierà l’esame per autorizzare la quarta dose ai soggetti fragili. Su richiesta del Ministero della Salute, la Commissione tecnico scientifica, ha indetto una riunione straordinaria per la prossima settimana in merito alla quarta dose per soggetti fragili. Per adesso, l’ipotesi di una quarta dose è contemplata ma solo per soggetti fragili, tanto che il governo ha deciso di rendere il Green Pass illimitato per chi ha fatto la terza dose o chi è guarito dal Covid dopo la seconda. Il tema è ancora aperto. Sulla quarta dose si è espressa anche Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano, che ad Adnkronos Salute ha detto:

“Somministrare una quarta dose di vaccino anti-Covid ai pazienti immunodepressi può avere una sua logica. Ma non vorrei che poi si tendesse a estendere ad altre categorie. Non è mai stato seguito uno schema di somministrazione di vaccini cosi ravvicinata. Peraltro ci sono studi che dimostrano che una quarta dose potrebbe addirittura negativa per il nostro sistema immunologico”.

Contagi sempre più in calo, curva è in netto miglioramento

Intanto i dati relativi al contagio sono in netto miglioramento e anche i dati sui ricoveri sono buoni. Secondo la Federazione italiana delle aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), il numero dei pazienti Covid ricoverati è calato del 17%, mentre gli ospedalizzati per Covid, il 72%, tra l’altro la maggior parte sono persone senza copertura.

Anche i dati del bollettino del Ministero della Salute confermano il trend in miglioramento con 57.890 nuovi casi il 17 febbraio e un calo generale dei ricoveri. In una settimana il numero di contagiati è diminuito nettamente e questo fa ben sperare che entro fine mese si possa arrivare a numeri ancora più bassi rispetto al boom di gennaio.

Vedi anche: Covid-19 e Green Pass illimitato cosa cambia per la terza dose se ci si è contagiati dopo la seconda

Argomenti: ,