Quarta dose di vaccino anti-Covid sì o no? Arriva la decisione dell’Aifa

Per la quarta dose di vaccino anti-Covid, per adesso nessun allargamento della platea.

di , pubblicato il
Nuovo vaccino covid quarta dose

Si continua a discutere in merito alla quarta dose di vaccino, dopo la risalita dei contagi a causa della variante Omicron 2, risalita che aveva riaperto il dibattito sul nuovo booster e la possibilità di un allargamento della platea.

Quarta dose vaccino Covid, le ultime notizie

Per adesso non ci sarà nessun allargamento. A dirlo è la Commissione tecnico scientifica di Aifa secondo cui ci sono ancora delle incertezze sul fatto che una quarta dose sia ciò di cui la popolazione ha bisogno e “ha deciso che sono necessari ulteriori approfondimenti, integrando le evidenze scientifiche internazionali con i dati di studi in corso in Italia”. 
Aifa avrebbe bisogno di più dati, mentre il Cts avrebbe invitato a continuare la somministrazione della terza dose visto che mancano all’appello ancora milioni di italiani.

Il caso era emerso qualche giorno fa, dopo la risalita della curva del contagio che aveva posto all’attenzione una possibile quarta dose non solo per gli ultra fragili ma anche per gli anziani.

Per la quarta dose di vaccino anti-Covid, per adesso nessun allargamento della platea

Alcuni scienziati sono favorevoli a somministrare la quarta dose a nuove categorie come fragili, pazienti a rischio e personale sanitario, mentre altri pensano che siano necessarie evidenze scientifiche e magari vaccini aggiornati contro la variante Omicron. A fare chiarezza è stato anche il virologo Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia, che all’Adnkronos ha detto:

“Sono favorevole alla quarta dose di vaccino anti-Covid per specifiche categorie di persone fragili, in base alle condizioni di salute e all’età, che devono essere definite sulla base delle evidenze. In questa fase, non è opportuno invece procedere a una quarta dose per tutti con i vaccini attuali.


È più che probabile che il prossimo autunno dovremmo fare un richiamo vaccinale contro Sars-Cov-2 , spero con vaccini diversi, viste le molte novità che si stanno sviluppando. Verosimilmente saremo attrezzati con un vaccino in grado di dare una protezione più ampia anche per le varianti”.

In base ai dati in arrivo da Israele e dalla Gran Bretagna, infatti, è emerso che il vaccino riattiva il sistema immunitario e quindi una quarta dose aumenterebbe ancora gli anticorpi, ma in una persona sana senza problemi e con un sistema immunitario che funziona non ci sarebbe un vantaggio aggiuntivo soprattutto per quanto riguarda Omicron e Omicron 2.

Vedi anche: Arriva il super raffreddore, ecco come distinguerlo dal covid-19 e da Omicron 2

Argomenti: ,