Plusvalenze Serie A, ecco i numeri ufficiali con il dato economico dei club

Occhio alle plusvalenze della Serie A, arriva il documento ufficiale con il dato economico dei club del nostro campionato.

di , pubblicato il
plusvalenze serie a

Nuovo documento stilato dal Centro Studi FIGC (in collaborazione con AREL e PwC Italia), il ReportCalcio per la 12esima edizione si concentra sulle plusvalenze di Serie A, analisi che valuta la situazione finanziaria del calcio italiano negli ultimi anni.

Plusvalenze Serie A, il documento

È uno dei temi più discussi nel nostro calcio a livello finanziario. Si tratta di un argomento spinoso, anche per le cosiddette plusvalenze fittizie, quelle generate in maniera poco chiara dai club del nostro campionato. Le plusvalenze di Serie A sono argomento di dibattito di grande interesse e meritano il doveroso approfondimento per capire in che stato verte l’economia del pallone. Dall’analisi emerge che sono oltre 3.2 miliardi di euro, i ricavi totali da plusvalenze dei club di Serie A tra il 2016/17 e il 2020/21.

Da quanto emerge dal documento in questione emerge che la media ricavi da plusvalenze della stagione 2020/21 è stata pari a 17.8 milioni di euro. Per comprendere al meglio questo valore basta andare nel dettaglio e scoprire gli esempi pratici relativi alle squadre che compongono negli ultimi anni la Serie A, ma nello specifico dobbiamo riferirci alle posizioni, pur considerando che in media le squadre che hanno concluso la stagione in determinate posizioni sono solitamente le medesime, almeno per quanto riguarda la parte alta delle varie classifiche.

Plusvalenze Serie A, le posizioni e i valori economici

Vediamo quindi come si sono generate queste plusvalenze per posizioni, con di fianco e tra parentesi alcune delle squadre che al meglio rappresentano questo valore economico che si è andato a generare tra spese e ricavi.

Dal 1° al 4° posto (Inter, Milan, Atalanta e Juventus) – 30.4 milioni di euro

Dal 5° al 7° posto (Napoli, Lazio, Roma) – 24.5 milioni di euro

Dal 8° al 17° posto – 15.8 milioni di euro

Argomenti: