Pioggia di miliardi di Joe Biden per le spese militari, la corsa al riarmo riparte dagli USA?

Costi e spese economiche enormi per il riarmo militare, ecco come stanno andando le cose nell'America di Biden.

di , pubblicato il
Cina Usa su Taiwan Joe Biden

Biden ha le idee chiare per il bilancio economico del 2023, più spese militari. Questo il progetto del neo presidente statunitense, il riarmo avrà un costo ingente, ma l’obiettivo è quello di sfidare la Russia, o quanto meno tenersi pronti per il peggio.

Spese militari Stati Uniti, l’aumento di Biden

Il presidente americano chiederà 813,3 miliardi di dollari, un incremento di 31 miliardi (pari al 4%). Questa la nuova proposta di bilancio di Biden alla luce di quanto sta accadendo in Ucraina, e soprattutto di quanto potrebbe accadere prossimamente con la tensione che sta tornando ai massimi storici tra Stati Uniti e Russia. Secondo il New York Times, Washington si sta inoltre preparando a contrastare la Russia anche nell’Artico, con una presenza militare più aggressiva.

Lo scenario di una terza guerra mondiale è sempre più vicino, ma intanto i big delle potenze mondiali si preparano a mettere giù i soldi del monopoli per posizionare poi i carrarmati del Risico. Purtroppo c’è in realtà ben poco da scherzarci su, sia per il rischio terribile che tutti siamo correndo con una nuova guerra mondiale, considerando anche il fatto che questa volta la minaccia sembra più che mai la bomba nucleare, sia per la questione economica che avrà inevitabilmente in peso sulle nostre vite, al di là (lo si spera) che la guerra di questo tipo non scoppi mai.

Spese militari Stati Uniti, la follia della guerra

Il piano di Biden prevede anche una tassa sui ricchi, i quali dovrebbero pagare il 20% sui loro redditi e sui guadagni non realizzati dei loro asset, come azioni e bond. Ad ogni modo, il progetto di Biden è chiaro per quanto riguarda il riarmo: 4,1 miliardi di dollari per condurre ricerche e sviluppare capacità di difesa, quasi 5 miliardi per una sistema di allerta missilistica per individuare minacce globali e quasi 2 miliardi per un intercettore di difesa missilistica.

In questo specifico caso la minaccia sarebbe quella portata da Iran e Corea del Nord, altri avversari da cui gli USA si devono ben guardare.

Potrebbe interessarti anche Guerra nucleare, il piano di sicurezza dell’Italia: chiusi in casa e finestre sbarrate

Argomenti: