Peste suina in Lombardia, i cinghiali rischiano di dare il colpo di grazia alla regione

Fabio Rolfi, assessore regionale all'Agricoltura, chiede intervento immediato del Governo.

di , pubblicato il
Fabio Rolfi, assessore regionale all'Agricoltura, chiede intervento immediato del Governo.

Altra tegola per la Lombardia, e soprattutto per la sua economia già falcidiata dal Covid e le restrizioni che cercano di contenerlo, arriva ora la peste suina. A quanto pare, infatti, i cinghiali rischiano di infettare il bestiame della regione e provocare ingenti danni all’economia del luogo.

Peste suina in Lombardia

La richiesta d’aiuto arriva dall’assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi, il quale invoca a gran voce l’abbattimento dei cinghiali infetti, ma per farlo c’è bisogno del permesso del Governo che, a quanto pare, in questo momento sta ignorando il problema. I cinghiali selvatici sono infatti i vettori principali di peste suina, la loro presenza nel territorio è un rischio che provocare danni incalcolabili a tutto il bestiame e quindi all’economia della regione.

L’abbattimento di queste bestie quindi sembra l’unica alternativa possibile, per quanto triste, per la risoluzione del problema. In Lombardia viene allevato il 53% dei suini italiani, quindi il danno alla regione sarebbe enorme. Solo 2 mesi fa il primo caso di peste suina riscontrato in Germania, un caso che avrebbe dovuto far drizzare le antenne sul problema, ma purtroppo al momento siamo tutti impegnati su altre faccende e ora si rischia di trascurare una malattia potenzialmente devastante.

Secondo Rolfi, la caccia a questi cinghiali sarebbe l’unica soluzione per contrastare la peste suina africana, ma per consentire ai cacciatori di svolgere il proprio compito, bisogna un attimo rivedere le norme sulle restrizioni. Al momento la Lombardia è in lockdown in quanto zona rossa, quindi c’è anche il divieto di caccia. Secondo Rolfi quindi è necessario che si intervenga su questo punto per arginare il problema, ma al momento dal Governo non sono ancora giunte risposte.

Potrebbe interessarti anche Picco contagi coronavirus: ecco quando ci sarà secondo esperti

Argomenti: ,