Perché Putin non vincerà mai la guerra in Ucraina secondo il presidente degli Stati Uniti

L'ottimismo di Biden nei confronti dell'Ucraina, secondo il presidente Putin e la Russia non potranno vincere, ecco perché.

di , pubblicato il
Putin

Le parole di Joe Biden si fanno sempre più dure e severe verso la Russia di Putin. Le sanzioni sono partite, ma ora c’è anche la ferma convinzione che alla fine Putin perderà questa guerra.

Guerra Putin, l’Ucraina non cadrà

Alla fine Putin potrà conquistare qualche città, ma non sarà mai padrone del paese. Questa la ferma convinzione di Biden, dopo le continue sanzioni che l’occidente sta attuando sulla Russia. Il presidente americano si dice certo del fatto che alla fine la resistenza ucraina potrebbe anche cedere in determinate zone, ma ciò non significherà avere il controllo del paese, poiché Putin non sarà in grado di farlo. Ecco le sue parole:

“La Russia può continuare la sua avanzata a un prezzo orribile, ma questo è già chiaro: l’Ucraina non sarà mai una vittoria per Putin. Putin può essere in grado di prendere una città, ma non sarà mai in grado di tenere il Paese”. Nel passo successivo si sofferma poi sulla questione petrolio: “il petrolio russo non sarà più accessibile nei porti degli Stati Uniti e il popolo americano darà – così – un altro potente colpo alla macchina da guerra di Putin”.

Guerra Putin, Biden lancia la carica

Insomma, parole forti e positive, molto ottimiste e in perfetto trend con ciò che il popolo americano in questo momento vuole sentire. Nei sondaggi infatti Biden è salito tantissimo, dopo aver sofferto un periodo di forte impopolarità che lo ha portato a essere messo in discussione. Le sue decisioni successiva all’invasione dell’Ucraina invece hanno riscosso i consensi del pubblico e quindi il gradimento verso il suo operato, almeno in merito alla guerra di Putin, sta facendo sì che la sua figura di presidente venga riscattata.

Potresti essere interessato anche a Guerra in Ucraina verso una nuova escalation? Le accuse della Russia agli USA

Argomenti: