'Ondate di calore e alluvioni: le 6 città che rischiano il disastro

Ondate di calore e alluvioni: le 6 città che rischiano il disastro

Le città a rischio ondate di calore e alluvioni secondo il report realizzato dalla Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici.

di , pubblicato il
Meteo agosto

I cambiamenti climatici hanno un effetto devastante sulle città e sul clima stesso. La conseguenza più temibile sono le ondate di calore e le frequenti alluvioni. A dirlo è il rapporto “Analisi del Rischio. I cambiamenti climatici in sei città italiane” realizzato dalla Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici.

Le città a rischio ondate di calore e alluvioni secondo il report

In particolare, secondo il report, alcune città italiane hanno visto ondate di calore in aumento. Basti pensare a Napoli, dove il report ha segnalato ben 50 giorni in più di caldo intenso e vere e proprie ondate rispetto all’inizio del secolo. Dopo Napoli, seguono Milano, Torino e Roma con 30, 29 e 28 giornate in più di intenso calore. A Venezia, invece, è aumentato il livello dell’acqua di ben 30 centimetri ed è stata superata anche la soglia critica. Stessa cosa per Bologna, dove sono in aumento i fenomeni di allagamento.

Grazie al rapporto in oggetto, è stato appurato come le forti ondate di calore e le alluvioni che interessano le città hanno un forte impatto negativo anche sulla salute delle persone. Più l’impatto aumenta e più ci sono conseguenze sulla salute delle persone. Tornando alle sei città prese come riferimento nel report, sono state considerate quattro sezioni: dal clima, passando per gli impatti climatici legati alle temperature e precipitazioni, la valutazione dei rischi e strumenti di adattamento.

Le conseguenze dei cambiamenti climatici

“Abbiamo scelto queste 6 città perché sono simboliche e tra loro diverse. Ai 2 gradi in più è probabile che ci arriveremo e bisognerà lavorare non poco per non superare quella soglia. Per il 2100, se non si interviene, potremmo toccare i 6” ha detto Donatella Spano, dell’Università di Sassari, che si è occupata del rapporto.

Guardando al dettaglio delle città, Bologna ha visto negli ultimi 30 anni una temperatura in aumento dal 2014 al 2020 dello 0,9% rispetto alla media.

A Milano, lo stesso aumento si è notato in particolare tra il 2018 e il 2020 con una tendenza in crescita per le notti tropicali e molti giorni senza pioggia. La temperatura è aumentata di circa 2 gradi. Napoli ha visto crescere la temperatura con giornate molto calde superiori a 30 gradi. Stessa cosa per Roma, Venezia e Torino, dove si sono registrate delle annate di caldo consecutive, un aumento della temperatura media e rischi molto elevati di eventi estremi.

Vedi anche: Meteo weekend 25 e 26 settembre, una sorpresa totalmente inaspettata ci attende

Argomenti: ,