'Obbligo vaccinale per tutti: governo apre agli indennizzi per i danneggiati

Obbligo vaccinale per tutti: il governo apre agli indennizzi per i danneggiati dal vaccino e al tampone a tutti

Obbligo vaccinale per tutti: indennizzi per chi ha avuto gravi danni. Tampone a tutti per fermare la pandemia in 8 giorni.

di , pubblicato il
Esenzione vaccino covid

Un nuovo piano del Governo apre agli indennizzi contro i danneggiati dai vaccini, lo prevede il Decreto Ristori al voto in consiglio dei ministri. Nella pratica si studiano degli indennizzi per eventuali danni da vaccinazione ma questa norma potrebbe anche aprire all’obbligo vaccinale per tutti. Ricciardi, intanto, punterebbe al test per tutti gli italiani.

Obbligo vaccinale per tutti: indennizzi per chi ha avuto gravi danni

Già dallo scorso 8 gennaio il vaccino è diventato obbligatorio per tutti gli over 50 che rischiano una multa se non si adeguano. Aprire agli indennizzi, potrebbe voler significare dare il via al vaccino obbligatorio. Come scrive il Corriere della Sera, quando si parla di indennizzi, si fa riferimento a infermità e le menomazioni permanenti. Va detto che esiste già la legge 25 febbraio 1992 n. 210 stabilisce che «chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge».

Con questo nuovo piano che prevede il risarcimento in caso di danni gravi, il governo potrebbe aprire all’obbligo vaccinale per tutti, e quello per gli over 50 potrebbe essere stato un primo passo. Non è detto che si passi al vaccino obbligatorio prima per gli over 40, poi per gli over 30 fino ad arrivare alla popolazione intera.

Tampone a tutti per fermare la pandemia in 8 giorni

Intanto, come scrive La Repubblica, il consigliere del ministero della Salute, Walter Ricciardi, propone un test del tampone per una larga fetta di italiani in modo da uscire dalla pandemia. Secondo Ricciardi la quarta ondata potrebbe finire a febbraio ma dopo una primavera e un’estate senza troppe difficoltà, il pericolo potrebbe tornare in autunno. Ecco perché secondo il professore un modo per contenere la pandemia sarebbe quello di “Oltre a vaccinare tutti, bisognerebbe fare i tamponi alla stragrande maggioranza degli italiani e isolare gli infetti. Se ne uscirebbe in 8 giorni. È un’operazione che tutti dicono sia impossibile ma i cinesi per un caso testano 10 milioni di persone. Noi con 200mila potremmo ben testare 60 milioni di italiani”.

Vedi anche: Effetti collaterali vaccino Covid anche con il placebo, ecco cosa succede dopo un’iniezione

Argomenti: ,