'Nuovi ricoveri in terapia intensiva, lo scenario non promette nulla di buono

Nuovi ricoveri in terapia intensiva, lo scenario non promette nulla di buono

Sempre più ricoveri in terapia intensiva, la situazione del Covid in Italia non vuole accennare a placarsi.

di , pubblicato il
Covid single

Si fa sempre più preoccupante la situazione Covid in Italia, come in ogni weekend, scende il numero di tamponi, ma il tasso di positività rimane importante, siamo al 15,4%. Sono infatti 83.403 i nuovi positivi, ma sono i ricoveri in terapia intensiva che preoccupano.

Ricoveri e terapia intensiva, i dati

Altri 287 morti, la situazione Covid in Italia non accenna a scendere di pericolosità. Sono 1.717 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 26 in più rispetto al giorno precedente. Gli ingressi giornalieri sono 128. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 19.228, ovvero 509 in più rispetto a ieri. È questo lo scenario che giorno dopo giorno aumenta sempre più. Vediamo la situazione regione per regione:

Lombardia : 1.784.827 + 9.883 casi (ieri +26.773)
Veneto: 887.888, + 6.381 casi (ieri +13.094)
Campania: 851.120 + 9.370 casi (ieri +17.677)
Emilia-Romagna : 816.613, + 11.189 casi (ieri +16.408)
Lazio : 702.076, + 6.447 casi (ieri +12.994)
Piemonte : 703.472 , + 9.564 casi (ieri +8.857)
Toscana: 587.041, + 5.626 (ieri +10.287)
Sicilia: 526.659, + 4.037 (ieri +8.521)
Puglia: 440.403, +6.652 casi (ieri 8.384)
Friuli-Venezia Giulia: 209.855, + 1.757 casi (ieri +2.993)
Liguria: 223.801, + 2.496 casi (ieri +4.393)
Marche: 184.334, +2.012 casi (ieri +4.923)
Abruzzo: 167.963, + 1.527 casi (ieri +3.633)
Calabria: 146.790, + 1.693 casi (ieri +2.137)
P. A. Bolzano: 128.509, + 1.347 casi (ieri +1.762)
Umbria: 128.670, + 774 casi (ieri 1.886)
Sardegna: 108.213, + 1.007 casi (ieri +1.317)
P. A. Trento: 94.945, + 885 casi (ieri +1.767)
Basilicata: 48.724 , + 144 casi (ieri +732)
Molise: 24.298, + 440 casi (ieri +513)
Valle d’Aosta: 24.121, +172 casi (ieri +461)

Potrebbe interessarti anche Variante Omicron, rischio contagio con starnuti e distanza sicurezza, cosa dice il nuovo studio

Argomenti: