Muffa, la nemica numero uno delle case: ma come è possibile eliminarla?

La muffa è una delle nemiche numero uno delle case: ecco alcuni semplici suggerimenti per eliminarla.

di , pubblicato il
La muffa è una delle nemiche numero uno delle case: ecco alcuni semplici suggerimenti per eliminarla.

La muffa è una delle nemiche numero uno delle case. Solitamente essa si forma in luoghi vecchi o in posti dove l’aria circola poco. Le spore del fungo purtroppo sono volatili per cui possono provocare delle allergie nonché problemi respiratori. Ecco allora alcuni semplici suggerimenti per eliminarla.

Come eliminare la muffa

Prima di eliminare la muffa dalla casa è indispensabile capire se essa è comparsa dopo l’infiltrazione dell’acqua.

Qualora si fosse formata per questo motivo si dovrà scoprire da dove proviene la perdita e chiamare subito un esperto per riparare il danno. Qualora, invece, fosse un problema causato dell’umidità, invece, si dovrà deumidificare l’ambiente magari con un condizionatore.

In ogni caso, per far sì che non si crei muffa in casa, il primo suggerimento è quello di arieggiare gli ambienti. Tenere le finestre aperte almeno cinque minuti al giorno aiuterà a tenere sotto controllo tale problema. In estate, invece, si potranno anche aprire finestre in più luoghi della casa. Un altro suggerimento è quello di tenere una temperatura uniforme in tutta la casa. Se da una stanza all’altra si creano sbalzi termici elevati è possibile che si crei muffa. E ancora, si dovrà cercare di ridurre l’umidità controllando bene se vi sono infiltrazioni d’acqua. Il consiglio in un appartamento che presenta tale problema è quello di ricorrere ad un condizionatore o a un deumidificatore.

Suggerimenti per evitare che si crei muffa in casa

Per evitare che si crei muffa in casa, il suggerimento è quello di tenere illuminati gli ambienti in quanto essa è un batterio che ama molto gli spazi poco illuminati e bui. E ancora, il consiglio è quello di evitare di far asciugare i propri abiti in casa e di tenere troppo piante in casa. Queste ultime sono utilissime perché purificano l’aria e depurano l’ambiente ma troppe possono creare problemi. L’acqua che si deposita nel sottovaso, infatti, può generare umidità e la conseguente creazione di muffa.

Infine quando si montano i mobili, sopratutto negli ambienti esterni, il suggerimento è quello di lasciare un spazio di almeno cinque centimetri.

Inoltre quando si tinteggiano le pareti, sarebbe meglio optare per una pittura antimuffa che sicuramente costa di più ma limiterà la formazione di essa.

Muffa: come eliminarla naturalmente

Se la muffa non è causata da infiltrazioni d’acqua si potrà eliminare in modo semplice e naturale. Oltre ad arieggiare la stanza, ogni quattro mesi si potrà passare sulle pareti dell’aceto diluito con l’acqua o anche del bicarbonato diluito sempre con l’acqua nei luoghi interessati dal problema. Un altro rimedio naturale è quello di mettere del sale grosso in un vasetto in ogni stanza interessata dal problema muffa in quanto esso catturerà l’umidità ed eviterà che si creino dei funghi.

Qualora la muffa si sia depositata anche sui libri questi ultimi potranno essere recuperati passando un panno sulla macchia. In questo modo la si potrà rimuovere alla meglio. Dopo, però, il suggerimento è quello di cospargere i libri con del borotalco. E ancora, qualora la muffa si sia depositata sui vestiti, questi si potranno trattare con una soluzione a basa di sale e succo di limone.

Leggete anche: Le 5 erbe aromatiche più efficaci per depurarsi e regolare il peso corporeo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,