Mai più gas russo in Italia, ecco le grandi manovre del ministro Di Maio e dell’ad Descalzi

Per dire stop al gas della Russia in Italia, ecco quali sono le ultime manovre condotte dal ministro degli esteri Di Maio e dall'ad di Eni Descalzi.

di , pubblicato il
grandi aziende petrolio

Per lo stop definitivo di gas dalla Russia, il ministro degli esteri Di Maio e l’ad Descalzi dell’Eni stanno cercando di diversificare le forniture. Qualche giorno fa infatti il ministro ha confermato che, a seguito del colloquio con il presidente della repubblica del Congo, rafforzerà con tale paese la partnership energetica e non solo. Ecco cosa sta accadendo.

Stop gas dalla Russia: quali sono le grandi manovre

L’Italia rafforzerà la partnership energetica con l’Algeria e il Qatar e negli ultimi giorni è arrivata la notizia dell’accordo con Sassou N’Guesso, presidente della repubblica congolese. Della partnership ha scritto Di Maio su Fb dicendo che l’Italia così porterà avanti nuovi progetti per diversificare l’approvvigionamento di energia. In questo modo il governo italiano cercherà di rendersi autonomo dalla Russia. Il ministro Cingolani (della Transizione Ecologica) ha stimato che il nostro paese riuscirà a sganciarsi della forniture russe in 24-30 mesi. Lo stesso ha poi aggiunto ai microfoni di Skytg24 che solo introducendo un prezzo massimo del gas si potrà disinnescare la colossale truffa del prezzo di quest’ultimo.
Il tetto dei prezzi per il ministro potrebbe essere una soluzione se adottata a livello europeo. Essa sarebbe infatti in grado attenuare il malumore dei mercati internazionali che sta portando grossi problemi per cittadini ed imprese e a rincari su rincari. Dato che la Russia continua a fornire gas non c’è infatti nessun motivo per l’aumento del prezzo del gas, costa di più quindi perché c’è nervosismo sul mercato. Mettendo un prezzo europeo, prosegue, si potrebbero bloccare i costi dell’energia che stanno crescendo in maniera spropositata senza alcuna ragione.

Il costo di estrazione del gas infatti è sempre lo stesso per cui non c’è alcun motivo per il quale venga venduto a dieci volte in più. Se si mettesse subito un cap, quindi, si potrebbe bloccare subito tale speculazione.
Leggi anche: Allarme rosso per il mercato alimentare in Europa, dalla Russia non arriva solo il gas
[email protected]

Argomenti: ,