Lush chiude i social, stanno rovinando il mondo, l’azienda elimina i suoi profili

Durissima e in controtendenza la scelta di Lush, la nota catena di saponi chiude i suoi social.

di , pubblicato il
Lush

Una scelta controtendenza davvero sui generis quella di Lush, nota catena di cosmetica naturale. Basta social network, l’azienda fa sapere che dopo la festa del Ringraziamento che si terrà in USA il 25 novembre, quindi domani, chiuderà tutti i suoi account social.

Lush, basta social network

Può un mezzo divenire fine ultimo per un fenomeno? In altre parole, strumento è responsabile? Filosoficamente parlando la risposta non può essere che no. Se è vero, infatti, che non sono le pistole a sparare, ma sempre chi ha premuto il grilletto, è anche vero che non sono realmente i social a rovinarci la vita, ma l’uso sconsiderato che ne stiamo facendo. È innegabile, però, che non puoi mettere una pistola in mano a un bambino, e nemmeno lasciarla incustodita davanti a uno squilibrato. Possiamo fare un discorso del genere per i social network?

C’è chi dice si, e chi dice no. Il dibattito è aperto e le opinioni contrastanti. Lush ha fatto senza troppi fronzoli la sua scelta. La nota catena di negozi di saponi profumati ha sempre fatto le sue scelte in modo etico, del resto il suo stesso marchio presuppone una scelta morale ben precisa, basandosi appunto sul fatto di proporre prodotti esclusivamente naturali. Ci sta, quindi, come scelta prettamente etica, quella di prendere le distanze nette da un mondo che forse sta facendo cambiare le persone senza che nemmeno se ne accorgano.

Lush, scelta controproducente?

Quanto però una scelta del genere può essere vincente a livello imprenditoriale? Non rischia di essere controproducente a lungo termine? È possibile non avere un contatto social oggi? La risposta non può che essere negativa per Lush. Sappiamo che nel breve termine questa mossa aziendale avrà anche i suoi frutti, e infatti siamo qui a parlarne, ma nel lungo periodo sarà necessario poi rivedere le strategie di marketing per riuscire in qualche modo a rimanere a galla in un settore, quello del commercio, che è ormai animato esclusivamente da pubblicità e condivisione social.

Potrebbe interessarti anche Le migliori invenzioni del 2021 secondo il Time: ecco le più rivoluzionarie

Argomenti: ,