Le regole per il pranzo di Natale e Capodanno secondo gli esperti: no vax esclusi, mascherine e non solo

Le regole per il pranzo di Natale e Capodanno: a tavola senza no-vax.

di , pubblicato il
Tavola di Natale

Come sarà il Natale con la variante Omicron e la quarta ondata del virus? Gli esperti consigliano come organizzare il pranzo natalizio e il cenone di Capodanno per trascorrere in sicurezza le feste. A causa dei contagi in salita, infatti, si invita alla cautela e anche se per adesso non sono previste chiusure generalizzate è bene fare attenzione e comportarsi in modo da evitare il contagio, anche alla luce della nuova variante sudafricana Omicron.

Le regole per il pranzo di Natale e Capodanno: a tavola senza no-vax

Le regole partono da un sunto preciso. Nelle tavole natalizie non ci dovrebbe essere posto per i non vaccinati. Secondo Anthony Fauci, consigliere medico capo del Presidente degli Stati Uniti, se nelle famiglie tutti sono vaccinati allora si possono abbandonare le mascherine durante il pranzo, quindi è importante sapere lo stato di vaccinazione di chi si invita a pranzo o a cena.
Dello stesso avviso è Sergio Abrignani, immunologo e membro del Cts, secondo cui non bisognerebbe invitare i non vaccinati a pranzo e ai bambini è sconsigliato abbracciare i nonni per evitare il contagio: “Se io faccio pranzi o cene natalizie con parenti anziani preferisco che non ci siano non vaccinati” ha detto.

Solo vaccinati, spazio alla dose booster

Addirittura, invece, il virologo Fabrizio Pregliasco sconsiglia direttamente pranzi numerosi. Sarebbe quindi consigliabile invitare a pranzo poche persone e vaccinate possibilmente anche con la dose booster. Ovviamente evitare baci e abbracci è fondamentale per evitare il contagio. Anche il virologo Francesco Menichetti, primario di Malattie infettive all’ospedale di Pisa, sconsiglia di invitare molte persone a pranzo e di non superare un certo numero di invitati: “Limitarsi a 6-8 persone ai pranzi di Natale, stare attenti con i bambini e con gli anziani, usare la mascherina”.

Secondo Massimo Galli in questo momento c’è il problema del calo dell’immunità per molte persone che si sono vaccinate a maggio e giugno scorso e sopratutto una forte circolazione del virus nei bambini, senza contare quei 7 milioni di non vaccinati. Per gli anziani, inoltre, è consigliabile usare la mascherina. Infine, secondo l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, ex assessore alla Sanità della Puglia, ospite a TimeLine su SkyTg24: “Se tutti quanti cominciassimo a dire che se non sei vaccinato al cenone di Natale non ci vieni, credo che qualche altra vaccinazione si recupererà”.

Vedi anche: Quarta ondata e variante Omicron: tutte le ordinanze locali per salvare il Natale tra nuove regole e mascherine all’aperto

Argomenti: ,