Influenza febbraio 2017: durata, ultime previsioni e rimedi per prevenirla

Influenza 2017: picco passato a febbraio ma ancora allarme per il virus influenzale, ecco fino a quanto durerà, i sintomi e i rimedi per evitare il contagio.

di , pubblicato il
Influenza 2017: picco passato a febbraio ma ancora allarme per il virus influenzale, ecco fino a quanto durerà, i sintomi e i rimedi per evitare il contagio.

L’influenza 2017, pur avendo superato il suo massimo picco, continua a colpire gli italiani e la curva sembra essere stabile per febbraio. Secondo gli ultimi dati dell’Istituto Superiore della Sanità, il virus influenzale continuerà a diffondersi in maniera salda fino alla prima decade di febbraio, questo significa che anche se il picco è superato, siamo di fronte ad una curva epidemica che mette in luce un valore di incidenza minima pari a 6,6 casi ogni 1000 assistiti. Solo nell’ultima settimana sono stati oltre 500mila gli ammalati, mentre per la fine di febbraio si dovrebbero superare abbondantemente i 5 milioni di italiani messi a letto dal virus. Quest’anno, la durata dell’influenza è prevista fino a marzo, quando si verificheranno gli ultimi casi.

Consigli per prevenirla

Considerando che i sintomi dell’influenza sono sempre gli stessi, un aiuto valido giunge dall’Osservatorio PoolPharma Research, che raccomanda di seguire alcuni accorgimenti per evitare il contagio. Considerando che ormai non c’è più tempo per procedere al vaccino, si possono seguire alcune accortezze, tra le quali citiamo: il consumo di tisane, spremute, brodi e bevande calde o ricche di vitamina C, evitare di uscire sudati e gli sbalzi di temperatura in genere, assumere integratori per rafforzare il sistema immunitario, solo su consiglio del medico di base o farmacista e seguire un’alimentazione a base di verdure di stagione. Molto utile si rivela anche lo zenzero, un vero coadiuvante per rafforzare l’organismo e prevenire i classici malanni di stagione.

Attenzione ai virus cugini

L’influenza 2017 ci accompagnerà quindi fino a marzo, ma in alcune regioni come il Veneto, il picco deve ancora arrivare. Per il resto, possiamo affermare che il periodo clou è passato anche se bisogna ancora fare attenzione ai virus para influenzali, i quali, seppur con una sintomatologia più lieve, possono ugualmente darci fastidio e creare disturbi per molti giorni. Per tutti gli aggiornamenti sull’influenza 2017 vi invitiamo a seguirci.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,