Influenza 2019, un osso duro che colpisce più uomini che donne, ecco perché

Non si arresta il contagio da virus influenzale, anche il vaccino non fa più effetto? Intanto, la scienza ci dice che gli uomini la subiscono più delle donne.

di , pubblicato il
Non si arresta il contagio da virus influenzale, anche il vaccino non fa più effetto? Intanto, la scienza ci dice che gli uomini la subiscono più delle donne.

L’influenza si sta facendo sempre più antipatica quest’anno, colpa dei 50 ceppi diversi che la contraddistinguono e che l’hanno resa ancora più resistente. C’è chi lamenta anche l’insufficienza del vaccino per il virus del 2019, ma attenzione a non confonderla con il raffreddore.

Influenza 2019, news e curiosità

Una delle curiosità più interessanti legate all’influenza è quella relativa al fatto che ad ammalarsi più facilmente e risentire maggiormente dei suoi sintomi siano gli uomini. Le donne infatti sembrano avere una resistenza maggiore al virus influenzale. In realtà non è una sensazione, la scienza infatti ci dice che per questo tipo di virus le donne sono più forti e resistenti perchè hanno un sistema immunitario migliore. A compromettere invece il corretto funzionamento dell’organismo in questo caso è il testosterone, ecco perché quindi gli uomini subiscono maggiormente l’effetto del virus e si ammalano più facilmente.

Tornando a questa maldetta influenza 2019, il fenomeno dei virus che resiste al vaccino effettivamente esiste, e al momento i ricercatori stanno cercando di capire quali siano le ragioni che hanno portato a questo strano fenomeno. Il consiglio di vaccinarsi comunque rimane sempre valido, al di là delle contigenze specifiche e occasionali del momento. In precedenza però abbiamo accennato anche a una differenza importante da ricordare ora, ossia quella che c’è tra influenza e raffreddore, due patologie che nonostante sembrino molto simili, sono in realtà completamente diverse.

Ci sono delle differenze chiare che ci aiutano a riconoscerle. L’influenza è immediata, mentre il raffreddore è graduale. La temperatura corporea è un altro fattore: se la temperatura è superiore ai 37.8 gradi l’individuo è quasi sicuramente affetto da influenza. Il raffreddore, infatti, molto raramente determina una febbre superiore ai 37-37.5 gradi. Il mal di testa è un altro sintomo dell’influenza, soprattutto se molto forte e generalizzato.

Potrebbe interessarti anche: Il caso della carne contaminata dalla Polonia: nuove accuse per salmonella nella carne congelata

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.