Influenza 2016-2017: picco vicino, fasce a rischio e consigli per guarire

Influenza inverno 2016-2017: tutti i consigli utili per guarire più velocemente in vista del picco, chi rischia di più e fino a quando vaccinarsi.

di , pubblicato il
influenza

Il picco dell’influenza 2016-2017 gioca d’anticipo. Con il Natale alle porte, anche il virus di stagione sembra maggiormente propenso a colpire gli italiani. Si era parlato del maggior periodo di contagio tra la fine di gennaio e febbraio, ma considerate le condizioni climatiche degli ultimi giorni, stanno aumentando gli ammalati.

Influenza inverno 2016-2017 picco: quando arriverà?

Dall’inizio di stagione sono oltre 900 mila gli ammalati, a casa con febbre, mal di gola e sintomi classici dell’influenza. Le prime due settimane erano stati 500mila i connazionali interessati dal virus, ma negli ultimi giorni c’è stato un aumento esponenziale ed entro Natale saranno un milione gli ammalati totali.

L’ultimo bollettino di InfluNet parla chiaro, una vera e propria impennata si sta espandendo a macchia d’olio, soprattutto tra i bambini più propensi al virus dell’influenza. Le regioni più colpite, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, sono quelle del Centro e del Nord, in particolare Piemonte, provincia di Trento, Emilia-Romagna, Umbria e Marche. Proprio per questo motivo l’ISS consiglia a chi è a rischio di vaccinarsi in tempo, entro il 31 dicembre, data utile per procedere all’immunizzazione efficace. Solo nell’ultima settimana ci sono stati quasi 260mila casi di malati in più e a cavallo tra Natale e Santo Stefano si raggiungerà la quota di 1,2 milioni di italiani a letto. Una cifra che non lascia indifferenti e conferma come rispetto lo scorso anno il virus sia più aggressivo.

Rimedi utili per guarire e fascia a rischio

La fascia più colpita dall’influenza 2016-2017 sono sicuramente i bambini sotto i 5 anni, che la contraggono nelle scuole e la portano in casa. Per quanto riguarda le cure per l’influenza, gli esperti confermano che gli antibiotici non servono a nulla, anzi potrebbero essere dannosi nel caso di virus. Per guarire prima è necessario rimanere a casa, al caldo, senza forzare i tempi e con il rischio di attaccare la malattia ad altre persone. Si consiglia, inoltre, di bere molti liquidi, acqua e brodi caldi, spremute d’arancia e vitamina C. Semplici consigli ma molto più efficaci nel caso di un virus che, la maggior parte delle volte, sfoga da solo senza necessità di medicinali, escluso il paracetamolo utile per abbassare la febbre.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,