Il Governo di Mario Draghi piazza il colpo in Algeria sul gas, ecco tutti i numeri dell’accordo

Il governo di Mario Draghi ha piazzato un colpo in Algeria sul gas. I numeri dell'accordo e le dichiarazioni di Draghi, Cingolani e Di Maio.

di , pubblicato il
grandi aziende petrolio

Il governo di Mario Draghi ha piazzato un colpo in Algeria per incrementare la fornitura di gas. A comunicarlo è proprio il premier italiano da Algeri dopo la firma dell’accordo con Abdelmadjid Tebboune, il presidente algerino. L’obiettivo (riuscito) era quello di incrementare le forniture di gas provenienti dal paese africano che rappresentano già il 31% del nostro import.

Il governo firma per il gas dall’Algeria

Per ridurre la dipendenza di gas dalla Russia, il nostro governo ha incrementato le forniture di gas dall’Algeria. Ieri Draghi ha infatti firmato un nuovo accordo con il presidente algerino. Con lui c’erano Di Maio e Cingolani ma anche Claudio Descalzi che è l’ad dell’Eni. Questo è soltanto il primo viaggio del presidente del Consiglio in quanto nelle prossime settimane incontrerà altri premier africani per diversificare i nostri approvvigionamenti. Dopo Pasqua infatti andrà in Congo e poi in Angola e in Mozambico. Tornando all’accordo di ieri, Mario Draghi, ha inoltre spiegato che il nostro paese è pronto a lavorare con l’Algeria per sviluppare energie rinnovabili e a idrogeno verde per accelerare la transizione ecologica e produrre lavoro.
Il ministro Cingolani ha comunicato che l’accordo finirà nel 2024 ma il flusso sarà costante e crescerà: si avranno infatti 3 miliardi di metri cubi in più fin da subito. Altri 6 nel 2023 fino ad arrivare a 9 miliardi. Il ministro degli esteri Di Maio ha inoltre spiegato di aver firmato un accordo con il suo omologo Lamamra grazie al quale ci sarà maggiore cooperazione tra i paesi e più gas. Ha aggiunto poi che il governo continua a lavorare senza sosta per garantire la sicurezza energetica dell’Italia soprattutto per le famiglie e le imprese.


Ieri c’è stato anche l’accordo tra De Sclazi (Eni) e Toufik Hakkar, presidente di Sonatrach. Grazie ad esso si useranno le capacità di trasporto del gasdotto Transmed per garantire una flessibilità più grande delle forniture energetiche. In questo modo si forniranno volumi sempre più elevati di gas già da quest’anno fino ad arrivare a 9 miliardi di metri cubi di gas all’anno nel 2023-2024.
Leggi anche: Aumento del prezzo del gas, chi festeggia? Ecco l’inchiesta di Report
[email protected]

Argomenti: ,