Il Covid ora è scomparso, eppure i contagi ci sono ancora, anche se in netto calo

Sprofondano le notizie sul Covid, un po' come i contagi, che però ci sono ancora e non bisogna abbassare l'attenzione.

di , pubblicato il
Covid

I contagi Covid sono stati oscurati dalla guerra in Ucraina, ma non sono scomparsi. Sono 30.629 i nuovi positivi registrati nella giornata di ieri, mentre i morti sono 144. Il tasso di positività rimane alto, siamo a 9,6%, comunque in calo rispetto ai giorni precedenti, ma si tratta pur sempre di una percentuale abbastanza alta.

Covid, contagi regione per regione

Rimane comunque sempre la questione ospedalizzazioni quella più importante e prominente, i ricoveri in meno rispetto al giorno precedente sono 235, mentre le terapie intensive registrano -30, quindi numeri in calo anche in questo senso. Ma passiamo ora ai contagi regione per regione.

Lombardia: +3.332
Veneto: +2633
Emilia Romagna: +2.194
Campania: +2.708
Lazio: +3.900
Piemonte: +960
Toscana: +2.084
Sicilia: +3.339
Puglia: +2.566
Liguria: +774
Friuli-Venezia Giulia: +371
Marche: +1.271
Abruzzo: +763
Calabria: +1.097
P.A Bolzano: +305
Umbria: +667
Sardegna: +775
P.A Trento: +215
Basilicata: +408
Molise: +278
Valle d’Aosta: +0

Covid, ora non fa più notizia

Insomma, la situazione è completamente cambiata da quando è scoppiata la guerra che sta spaventando tutto l’occidente. Pur trattandosi sempre di una pandemia, ci troviamo indubbiamente davanti a una problematica che ora fa decisamente meno scalpore e che fa tornare alla memoria le parole che Alessandro Barbero rilasciò durante un intervento televisivo qualche annetto fa. In quella occasione lo storico piemontese disse che questa pandemia, se fosse capitata qualche decennio prima, non avrebbe avuto grande risalto e grande attenzione. Con una guerra appena scoppiata ci rendiamo conto di quanto queste parole siano vere.

Potrebbe interessarti anche Terza dose vaccino, ecco quanti sono gli italiani ancora senza booster anti-Covid

Argomenti: