I nuovi siti Unesco: i 30 luoghi protetti patrimonio dell’umanità

I nuovi luoghi Unesco proclamati dal comitato World Heritage dell'Unesco a Baku.

di , pubblicato il
I nuovi luoghi Unesco proclamati dal comitato World Heritage dell'Unesco a Baku.

La 43ma edizione del comitato World Heritage dell’Unesco a Baku ha nominato le nuove 30 iscrizioni tra cui la regione del Prosecco, in Veneto. Sono tanti i nomi illustri entrati a far parte del celebre primato tra cui Babilonia, la Casa sulla Cascata di Frank Lloyd Wright, la rete di canali della città di Augsburg e tante altre.

 

I 30 nuovi siti

L’UNESCO, l’agenzia delle Nazioni Unite, ha lo scopo di  promuovere la protezione e la conservazione di luoghi significativi dal punto di vista storico, culturale e ambientale. I nuovi luoghi protetti sono stati scelti tra 35 proposte; per quanto riguarda il nostro paese è stato aggiunta la zona del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene nel Veneto portando a 55 i luoghi italiani e 1.121 i siti globali. 

Ecco i nuovi siti inseriti: 

-Sito di giare megalitiche di Xiangkhoang, Laos

-Sistema delle acque di Augusta, Germania

-Risco Caído e le montagne sacre di Gran Canaria, Spagna

-Riserva naturale nazionale delle Terre australi francesi, Francia

-Chiese di Pskov, Russia

-Antichi siti per la lavorazione del ferro, Burkina Faso

-Osservatorio Jodrell Bank, Regno Unito

-Rovine di Liangzhu, Cina

-Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Italia

-Scuole neoconfuciane, Corea del Sud

-Babilonia (al-Hilla), Iraq

-Bagan, Myanmar

-Budj Bim, Australia

-Jaipur, India

-Sheki, Azerbaigian

-Monti Metalliferi, Germania e Repubblica Ceca

-Tumuli sepolcrali della cultura Dilmun, Bahrein

-Miniera di carbone Ombilin, Indonesia

-Area preistorica di Krzemionki, Polonia

-Kladruby nad Labem, Repubblica Ceca

-Palazzo Nazionale di Mafra, Portogallo

-Santuario di Bom Jesus di Monte, Portogallo

-Tombe megalitiche, Giappone

-Architetture di Frank Lloyd Wright, Stati Uniti

-Incisioni rupestri, Canada

-Territorio di Ocrida, Albania e Macedonia del Nord

-Paraty e Ilha Grande, Brasile

-Parco nazionale del Vatnajökull, Islanda

-Santuari degli uccelli migratori, Cina

-Foreste miste ircane del Caspio, Iran

In Italia salgono a 55

Come dicevamo, i tesori italiani già inseriti nella prestigiosa lista, a cui si è aggiunta in questi giorni la Valdobbiadene, sono ben 55: 

  •  Arte Rupestre della Val Camonica nominata nel 1979
  •  la Chiesa e il convento Domenicano di Santa Maria delle Grazie e il ‘Cenacolo’ di Leonardo da Vinci nominata nel 1980
  •  Centro storico di Firenze nominata nel 1982
  • Centro storico Roma nominata nel 1980 e 1990
  •  Piazza del Duomo a Pisa nominata nel 1987
  •   Venezia e la sua Laguna nominata nel 1987
  •  Centro Storico di San Gimignano nominata nel 1990
  •  I Sassi e il Parco delle Chiese Rupestri di Matera nominata nel 1993
  • La città di Vicenza e le ville del Palladio in Veneto nominata nel 1994
  •  Ferrara, città del Rinascimento, e il Delta del Po nominata nel 1995
  •  Centro storico di Siena nominata nel 1995
  •  Centro storico di Napoli nominata nel 1995
  • Crespi d’Adda nominata nel 1995
  •  Trulli di Alberobello nominata nel 1996
  •  Castel del Monte nominata nel 1996
  •   Centro storico di Pienza nominata nel 1996
  •   Monumenti paleocristiani di Ravenna nominata nel 1996
  •  Aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata nominata nel 1997
  •  Costiera Amalfitana nominata nel 1997
  •  Area Archeologica di Agrigento nominata nel 1997
  •  La Reggia di Caserta nominata nel 1997
  •  Portovenere, Cinque Terre e Isole (Palmaria, Tino e Tinetto) nominata nel 1997
  •  Modena: Cattedrale, Torre Civica e Piazza Grande nominata nel 1997
  •   Villaggio Nuragico di Barumini nominata nel 1997
  •  L’Orto botanico di Padova nominata nel 1997
  •  Residenze Sabaude nominata nel 1997
  •  La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina nominata nel 1997
  •   Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano nominata nel 1998
  •   Zona Archeologica e Basilica Patriarcale di Aquileia nominata nel 1998
  •  Centro Storico di Urbino nominata nel 1998
  •   Zona Archeologica e Basilica Patriarcale di Aquileia nominata nel 1998
  •   Villa Adriana (Tivoli) nominata nel 1999
  •  Assisi, la Basilica di San Francesco e altri siti Francescani nominata nel 2000
  •  Isole Eolie nominata nel 2000
  •   Città di Verona nominata nel 2000
  •  Villa d’Este (Tivoli) nominata nel 2001
  •  Val di Noto nominata nel 2002
  •   Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia nominata nel 2003
  • Necropoli Etrusche di Cerveteri e Tarquinia nominata nel 2004
  •  Val d’Orcia nominata nel 2004
  • Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica nominata nel 2005
  •  Genova, le Strade Nuove e il Sistema dei Palazzi dei Rolli nominata nel 2006
  •  La ferrovia retica nel paesaggio dell’Albula e del Bernina nominata nel 2008
  •  Mantova e Sabbioneta nominata nel 2008
  •  Dolomiti nominata nel 2009
  •  Siti palafitticoli preistorici delle Alpi nominata nel 2011
  •  I longobardi in Italia.
    Luoghi di potere nominata nel 2011
  •  Monte Etna nominata nel 2013
  •  Ville medicee nominata nel 2013
  •  Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato nominata nel 2014
  • Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale
  •  Opere di difesa veneziane tra XVI e XVII secolo: Stato da Terra-Stato da Mar occidentale nominata nel 2017
  •  Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d’Europa nominata nel 2018
  •   Ivrea città industriale del XX secolo nominata nel 2018
  •   Le colline del prosecco di Conegliano Veneto e Valdobbiadene nominata nel 2019

Leggi anche: Le mete di viaggio più trendy dell’estate 2019 secondo Airbnb

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.