I gusti a tavola: sono scritti nel DNA

Un maxi studio giapponese condotto presso l'Ims e la Osaka University rivela che la preferenza di un determinato cibo o bevanda a tavola è scritto nel proprio DNA.

di , pubblicato il
Un maxi studio giapponese condotto presso l'Ims e la Osaka University rivela che la preferenza di un determinato cibo o bevanda a tavola è scritto nel proprio DNA.

Un maxi studio giapponese condotto presso l’Ims ovvero il Riken Center for Integrative Medical Sciences e la Osaka University rivela che la preferenza di un determinato cibo o bevanda a tavola è scritto nel proprio DNA. Ecco le principali informazioni riguardanti tale studio.

Lo studio giapponese sui gusti a tavola

Il maxi studio giapponese pubblicato anche sulla famosissima rivista “Nature Human Behavior”, come riporta l’Ansa, ha coinvolto 160 mila persone il cui DNA è stato mappato nell’ambito del “Progetto Biobanca giapponese”.

Le varie persone hanno dovuto compilare un questionario sul proprio stile di vita nonché sulla preferenza alimentare. Poi, tali dati sono stati incrociati con i dati genetici di ciascuno. È emerso che 9 “geni” sono associati con la preferenza per il formaggio, il natto (prodotto mediante la fermentazione dei fagioli di soia), il tè, lo yogurt, il caffè, la carne, il pesce, il tofu e le verdure.

È emerso dallo studio, inoltre, che delle varianti di geni che sono associate ad una certa bevanda o a un cibo si associano anche al consumo di altri cibi. Viene fatto l’esempio di coloro che amano gli alcolici che preferiscono i cibi che sono dal gusto amaro.

Altri geni si trovano poi, preferenzialmente, nel DNA di quelli che amano sia il formaggio che lo yogurt. In quest’ultimo caso si evince che si predilige una determinata categoria di cibo come ad esempio i latticini. Altri geni si trovano ancora nel DNA di coloro che amano molto il pesce e la carne. I geni, quindi, coincidono con le preferenze di gusto per determinati sapori.

Infine, dal super studio giapponese è emerso anche che le cosiddette ” basi genetiche” che ci spingono ad avere certi gusti a tavola si associano anche al rischio di sviluppare determinate malattie come il diabete.

Ricordiamo che il diabete è una malattia cronica che si caratterizza dalla presenza di alti livelli di glucosio nel sangue nonché ad una quantità alterata dell’insulina. Evitare di consumare determinati prodotti, però, potrebbe proteggerci dall’insorgere di tale malattia.

Leggete anche: I dolcificanti aumentano il rischio di diabete e fanno ingrassare

[email protected]

Argomenti: ,