I danni delle specie ‘aliene’ costano molto all’economia globale

Uno studio pubblicato sulla rivista Nature afferma che i danni delle specie aliene come zanzare e ratti sulle economie ammontano a 1.300 trilioni di dollari dal 1970 ad oggi.

di , pubblicato il
Uno studio pubblicato sulla rivista Nature afferma che i danni delle specie aliene come zanzare e ratti sulle economie ammontano a 1.300 trilioni di dollari dal 1970 ad oggi.

A causa della globalizzazione le “specie aliene” come ratti, zanzare e termiti riescono a raggiungere ogni angolo del globo con la conseguente diminuzione delle biodiversità e non solo. Le invasioni biologiche, infatti, producono anche elevate perdite economiche per le società che si ritrovano a dover combattere con esse. Da uno studio pubblicato sull’autorevole rivista Nature da un team di ricerca dell’Università Paris-Saclay guidato da Christophe Diagne, ecco il link, emerge infatti che il costo dal 1970 ad oggi ammonterebbe a circa 1.300 trilioni di dollari. Un dato sottostimato in quanto la maggior parte dei danni potrebbe non essere mai riportata.

Le specie aliene e il loro impatto negativo sull’economia

Dallo studio pubblicato sulla nota rivista Nature emerge che i costi totali delle invasioni di specie “aliene” hanno raggiunto 1.288 trilioni di dollari negli ultimi decenni dal 1970 al 2017 con un costo medio annuo di 26,8 miliardi. Tali costi, però, secondo l’equipe guidata da Diagne non solo potrebbero essere sottostimati ma mostrano un aumento sempre più crescente. Proprio per questo dovrebbero essere implementate le azioni e gli accordi internazionali per cercare di ridurre al massimo il carico delle specie esotiche invasive.

Queste, infatti, stabilendosi e diffondendosi con successo oltre le loro terre natie, producono degli impatti negativi non soltanto sulla biodiversità ma anche sulla salute dell’uomo, sul benessere, sugli ecosistemi e come detto sull’economia.  Il problema è che le invasioni biologiche si sono aggravate ancora di più a causa dei cambiamenti climatici e della globalizzazione e le strategie mondiali per mitigarle o controllarli sono sempre troppo poche.

I danni all’economia: come porre rimedio

Le invasioni di specie aliene portano a gravi ripercussioni sull’economia e per questo tale problema dovrebbe essere riportato all’apice dell’agenda delle politiche internazionali di sviluppo sostenibile.

Tali specie, infatti, sono responsabili del danneggiamento delle infrastrutture, della riduzione del raccolto ma anche dell’alterazione degli ecosistemi. Poiché esse rappresentano un problema globale e non locale sarebbe importante agire subito per capire quali sono i reali impatti economici in tutto il globo nonché i costi associati ad esse.

Il problema, quindi, non dovrebbe essere solo una delle priorità negli accordi multilaterali come la Convenzione sulla diversità biologica ma dovrebbe diventare un’urgenza per tutti i governi nazionali. Con degli interventi preventivi come la sorveglianza proattiva, l’individuazione precoce, la valutazione del rischio e campagne come quella di controllo biologico, infatti, potrebbero essere ridotti di molto i costi.

Potrebbe interessarti:  L’energia solare diverrà più economica ma di quanto?

[email protected]

Argomenti: ,