'I 13 migliori pandori artigianali 2020 secondo Dissapore

I 13 migliori pandori artigianali 2020 secondo Dissapore

Ecco i 13 migliori pandori artigianali secondo l'analisi di Dissapore.

di , pubblicato il
Ecco i 13 migliori pandori artigianali secondo l'analisi di Dissapore.

Insieme al panettone, il pandoro è l’altro dolce tipico del Natale sopratutto per chi non ama l’uvetta e la frutta candita. Viene da Verona e deriva dal nome in lingua veneta “pan de oro”. Veniva servito sulle tavole dei ricchi veneziani insieme al nadalin. Quest’ultimo era molto simile al pandoro ma meno burroso e fragrante. Inoltre aveva una forma non precisa ed era basso. Venne inventato nel duecento per festeggiare il primo Natale sotto la famiglia della Scala. Detto ciò, dopo la classifica dei migliori pandori confezionati 2020 secondo Altroconsumo, ecco anche quella dei 13 migliori artigianali secondo Dissapore.

Classifica dei migliori pandori artigianali secondo Dissapore

Il pandoro artigianale, comunica Dissapore, deve essere impeccabile sia nella consistenza che nella forma. Quello che lo rende unico, però, è il tocco del pasticcere per il quale questo dolce non dovrà sapere solo di zucchero, di burro o di vaniglia.

Al 13° posto della classifica dei pandori artigianali c’è quello del pandoro “Massari” di Brescia che costa 40 euro.

Al 12° posto c’è il pandoro “D&G patisserie” al costo di 32 euro di Selvazzano Dentro (PD).

All’11° posto c’è il pandoro “Mamma Grazia” di Nocera Superiore in provincia di Salerno al prezzo di 30 euro.

Al 10° posto quello “Sandler” di Milano al costo di 30 euro.

Al 9° posto c’è il “Perbellini” di Verona che costa 24,5 euro sfuso e 28 euro confezionato.

All’8° posto compare il “Renato Bosco” di San Martino Buon Albergo (VR) che costa 30 euro.

Al 7° posto c’è il pandoro “Sal De Riso” di Minori, Costa di Amalfi che costa 35 euro.

Al 6° posto troviamo il pandoro “Vignola” di Solofra (AV) che costa 34 euro.

Al 5° posto il “Biasetto” di Padova il cui prezzo è di 33 euro a confezione.

Al 4° posto, troviamo il pandoro “Olivieri 1882” di Arzignano (VI) al prezzo di 38 euro.

Sul podio in 3° posizione c’è il “DolceMascolo” della pasticceria Dolcemascolo di Frosinone a 32 euro.

Al 2° posto compare il pand’oro “Alajmo” di Rubano (PD) che costa 35 euro.

Infine in 1° posizione c’è il pandoro “Tiri” di Potenza che costa 34 euro.

Potrebbe interessarti:  Classifica migliori panettoni d’Italia 2020 secondo Vinodabere

[email protected]

Argomenti: ,