Green Pass e Grande Reset, teorie cospirazioniste si fanno largo anche in Italia

Che cos'è il Grande Reset e cosa ha a che fare con il Green Pass?

di , pubblicato il
Green pass

Manifestazioni, proteste, scontri, disordini, il Green Pass continua a scuotere coloro che proprio non vogliono vaccinarsi. Ora spunta la teoria cospirazionista del Grande Reset, un disegno economico che parte dagli USA e, purtroppo, arriva fino in Italia.

Green Pass, cos’è il Grande Reset?

Ebbene sì, alla fine i deliri dell’estrema destra statunitense e dei gruppi cospirazionisti come QAnon sono arrivati anche in Italia. In realtà, non c’è da stupirsene, e già da mesi girano tanti video su YouTube e pagine sui social che incoraggiano le persone a credere queste cose. Ora però arrivano voci più o meno autorevoli a dare manforte ai deliri dei no vax, come ad esempio Carlo Freccero, ex consigliere d’amministrazione Rai, oggi critico televisivo e giornalista. Secondo Freccero, che si dichiara apertamente no vax, il Grande Reset è un piano che deve essere fermato. Un mese fa ha infatti fermato un referendum contro il Green Pass, secondo i no vax il super strumento per completare il complotto.

Nuovo Ordine Mondiale, Grande Reset e Green Pass. Aprire le porte a un nuovo sistema di controllo, distruggere la libertà dell’individuo e cambiare il mondo sempre favorendo quei pochi potenti che lo governano. Questo il grande piano denunciato dai sostenitori di Trump negli USA, e che ora è diventato un credo anche per i complottari italiani. In realtà, questo Grande Reset non è altro che una proposta lanciata dal World Economic Forum nel maggio del 2020 per far ripartire l’economia dopo la pandemia del Covid.

Green Pass, un piano prestabilito?

Il Grande Reset presentato dagli economisti è sistema per migliorare il capitalismo e rendere gli investimenti più orientati al progresso reciproco.

Per i complottisti invece il Grande Reset è il sistema che il nuovo Ordine Mondiale utilizzerà per instaurare un sistema marxista, eliminare la proprietà privata e altri deliri incomprensibili che praticamente sono proprio l’opposto di quel che il meeting di maggio 2020 proponeva. Naturalmente, essendo il gruppo di estrema destra, è facile capire del perché la frittata sia stata rigirata puntando il dito contro il marxismo e non contro i concetti capitalisti che stanno alla base del Grande Reset.

Purtroppo, ancora una volta informazioni da panico e cattive capacità di giudizio critico stanno spingendo gli Italiani verso proteste che portano il tema del Green Pass fuori dai binari. Che ci siano delle contraddizioni evidenti nello strumento è un dato di fatto, ma con queste derive si rischia di complicare ulteriormente le cose.

Potrebbe interessarti anche Green Pass al lavoro obbligatorio, quali sono le categorie con più no-vax?

Argomenti: ,