Gli sviluppi del governo Monti sugli F35: il gioco delle 3 carte

Un considerazione su quello che il Governo Monti sta facendo in merito al progetto JSF.

di , pubblicato il

Si è sempre detto che le guerre sono le panacee delle crisi economiche, cinismo? Forse, pura constatazione probabile.

Da sempre le guerre non sono servite soltanto per risanare le intemperanze sociale, ma anche a risanare le economie, soprattutto delle industrie belliche: un pò cinico, certo, ma sicuramente vero.

A fatti i conflitti bellici hanno una diretta conseguenza, la necessità di produrre, produrre, produrre, cosa ? Un po’ di tutto, chiaramente in primo piano armi, macchine per la guerra, seguiti da tutti quei prodotti che servono per far funzionare un esercito composto da macchine ma anche da forza umana. Si capisce quindi perché una guerra ha sull’ economia un effetto “benefico”, diciamo che storicamente i conflitti sono serviti a risolvere due tipi di problemi politico – economici, la stagnazione economica e le intemperanze sociali. Durante un conflitto, infatti ci si ritrova sotto la spinta emozionale dell’ unità nazionale, si serrano le file, si tralasciano gli odi e si serve al patria, questo lavorando o andando al fronte. Ma anche, si aumentano gli stanziamenti militari a fronte delle spese sociali, si richiama il cittadino a fare il suo dovere per la patria, togliendogli il pane di bocca per nutrire gli eroi al fronte. Proprio quello, che sta succedendo in questo  periodo e non solo a noi italiani, che in guerra da quel che ne so non siamo. Eppure, mentre ci ritroviamo a dover sostenere un economia rantolante, con manovre “lacrime e sangue” altri pensano che la priorità di un paese come il nostro, oggi sia quella di sperperare il denaro dei contribuenti acquistando armi. La scandalosa vicenda dei 90 F35 è solo la punta dell’ iceberg, quella punta che però può far capire quanto si sbaglino quei pochi che ancora sono convinti che esistano gli eroi. In questa vicenda e nel più ampio panorama internazionale, ci troviamo di fronte ad un cinico, assurdo gioco al massacro, dove cittadini inermi ed impotenti stanno subendo una delle beffe più atroci. Ricordiamo, che le spese per mantenere la macchina bellica italiana, pesano realmente l’ 1,5% dell’ intero prodotto interno lordo. So che ufficialmente si parla dello 0,9% ma sono frottole, artifizi contabili in cui non si fa altro che il solito gioco a nascondino, suddividendo in più ministeri le spese. Si parla di centinaia e centinaia di miliardi per il solo approvvigionamento, mantenimento di un esercito e di apparati che a fatti non servono a nulla. Quando si parla di difesa nazionale, realmente di cosa si parla ? Riuscite forse ad immaginare paesi ostili pronti a depredare l’ Italia? Ma poi depredare de che? Non prendiamoci in giro, vi sono organi, milizie internazionali che bastano e avanzano per mantenere sotto controllo le situazioni di criticità ancora presenti sul nostro pianeta, tutto il resto è un gioco teso a creare una catena di S. Antonio per non perdere privilegi, appalti, per tenere sotto pressione interi paesi con la scusa dell’ invasione barbara. Due navi da guerra iraniane nel Mediterraneo, ed improvvisamente non si parla d’ altro, tutto scompare ai nostri occhi e i maneggioni sono liberi di fare tutte le porcate che più desiderano.

Le due navi iraniane avvistate nel Mediterraneo che hanno scatenato il putiferio che ha avuto l'effetto di spingere gran Parte dell'Europa a sospendere gli acquisti di Petrolio dall'Iran.

Due navi da guerra iraniane nel Mediterraneo, e come per miracolo, Gran Bretagna, Francia, Portogallo ecc ecc non acquistano più petrolio Iraniano. Paesi eroici ? NO, solo cinici nel sfruttare le occasioni, non acquistare dall’ Iran vuol dire aumentare la produzione del Brent del Mare del Nord, guarda caso, di quello prodotto dagli Usa, guarda caso. Soldi signori, soldi che piuttosto di finire all’ Iran, finiranno alla stessa Gran Bretagna agli Usa. E noi ?  Noi abbiamo lo Spread più basso, gli investitori statunitensi, inglesi stanno tornando ad acquistare i nostri titoli di stato. Eravate forse convinti che lo spread Btp Bund stesse calando per il miracolo Monti? La favola di cappuccetto rosso e del lupo cattivo vi affascina ancora ? Ma allora il viaggio di Monti? I colloqui con Merkel e Obama? Non è forse stato osannato da tutti ? Vero, ma per cosa? Qualcuno riesce ancora a credere che Monti possa conversare sullo stesso piano con questi personaggi? Ma dai, finiamola, cosa ha portato a casa Monti? L’ abbassamento dello spread, bravo Mario ben fatto Mario. Cosa ha dato Mario? Centinaia di miliardi di euro alla Lockeed Martin U.S.A., casa produttrice del famigerato F35, aereo da guerra invincibile, per cui la spesa sostenuta dai contribuenti italiani è “necessaria e sostenibile”  come da dichiarazione del ministro De Paola. Peccato, che tali aerei sono talmente perfetti e la sua casa produttrice talmente organizzata, che per

Cameri, comune a due passi da Novara dove si sta costruendo uno stabilimento della Lockheed Martin per la costruzione degli F35 da commerciare in Europa.

tenerli operativi si sta costruendo uno stabilimento dalle parti di Novara, costo mezzo miliardo di euro o giù di lì. Se tiriamo le somme, questi “necessari” velivoli ci costeranno come un intera finanziaria, qualcuno è convinto che domani mattina non ci sveglieremmo tranquilli se i benedetti F35 si evita di acquistarli? Chiaramente uno c’è, alias ministro De Paola che ritiene indispensabile per la sicurezza nazionale ammodernare il parco aerei dell’ esercito, ma per difenderci da chi? Ma chiaramente, cosa dobbiamo pretendere da uno che per aiutare l’ Italia, ad uscire dalla recessione economica è pronto a diminuire la popolazione militare di ben 30.000 unità più 10.000 civili nell’ arco di appena 10 anni? Tra dieci anni si rischia che non ci sia più l’ Europa intera, non qualche ufficiale italiano !!!!!!!! Ma quanto risparmieremmo se i 30.000 esuberi venissero ricollocati subito? Si parla di Graduati e neppure di basso livello, per cui di stipendi non certo al minimo sindacale, metteteli in cassa e risparmiamo qualche miliardo all’ anno, ma ci vuole un povero cristo come me per arrivarci? Non abbiamo più neppure l’ anno di leva obbligatorio, ergo sum, caserme vuote, è da dieci anni che devono venderle, risultato = ZERO, però tra poco avremo 90 F35 nuovi, e qualche centinaio di euro tasse a testa in più da pagare……. Ma dove bipppp………vive il caro ministro? Nella fattoria dello zio Tobia che ogni guaio se lo porta via?

I resti dell'aereo Itavia, precipitato in mare misteriosamente nei pressi di Ustica.

Stiamo pagando tasse, stiamo lavorando 6 mesi l’ anno per pagare gente come questa, le loro manie di grandezza, il loro distacco dalle problematiche reali. Non stiamo pagando tasse perché non abbiamo mai lavorato, le stiamo pagando per poter far continuare questi signori a giocare ai soldatini a muovere gli F 35 sulla scacchiera, qualcuno ricorda Ustica ? Quanto saranno costati ai contribuenti, quei caccia che viaggiavano attorno ad un aereo civile e giocavano a nascondino? Di certo sappiamo solo a quanti quel giochino è costato la vita e a quanti non è costato neppure un giorno di galera, il tutto grazie al diritto di mantenere il segreto militare, davanti ad un omicidio di civili? Ma di cosa stiamo parlando ? Di diritti ? Allora per quale diritto devo pagare per una cosa che non voglio ? Non voglio guerre, non voglio armi, non sono necessarie, non sono giustificabili mai, ancor meno oggi. Perché la Grecia per ottenere un prestito e non fallire è stata costretta ad acquistar dalla Germania pochi giorni fa armamenti per centinaia di milioni di euro ? VI rendete conto ? Quanto sono onesti, etici, logici i cari tedeschi ? Prestano denaro per far si che chi lo riceve acquisti i suoi prodotti, certo non è difficile far volare le esportazioni così. Ma non basta, sono talmente bravi, da costringere una nazione a mettere metà della popolazione lavorativa su una strada, far ridurre all’ altra metà gli stipendi del 20 – 30 %, chiedere il taglio alle pensioni, il tutto per sanare un bilancio che deve una parte del suo deficit ad acquisto di armi tedesche. Se questo non è essere bas….bipp…dentro non so cosa sia. Noi non siamo da meno, solo siamo più stupidi, pensate un  po’, firmiamo un protocollo d’ intesa con gli U.S.A. 15 anni or sono per tenere il piede in due scarpe, solita politica italiana. Ci impegniamo ad acquistare centinaia di aerei da guerra per qualche miliardo di euro, conclusione, il nostro primo ministro, piuttosto di chiedere la sospensione del progetto, per evidenti problemi economici, si reca in America a ringraziare lo staff statunitense per averci sostenuto. Ma chi ha sostenuto chi? Forse le case di Rating, guarda caso Statunitensi, tagliando i giudizi sul debito pubblico italiano e sulle sue nostre maggiori aziende una settimana si e l’ altra anche ? Marioooo…….finiscila di mischiare le carte e comincia a lavorare per noi non per l’ Europa o per gli Stati Uniti. Ultima riflessione : Settimana scorsa o giù di li, Israele ha confermato una commessa,  valore un miliardo di euro, per la fornitura di aerei da ricognizione e addestramento a un’ azienda italiana, la Aermacchi facente parte del gruppo Finmeccanica. Ma allora, se gli israeliani che a livello di armamenti non sono secondi a nessuno, fanno fare gli aerei agli italiani perché gli italiani comprano quelli statunitensi? Marioooo…..il giochino delle tre carte non funziona più……ritira la mano fino a che sei in tempo………   I 10 PUNTI DEL DOSSIER F-35

F-35: inizio della storia. Chi decise di comprare Perchè proprio gli F35 americani? Ecco i motivi dichiarati F35: Un progetto fallimentare e pieno di problemi L’Italia potrebbe sottrarsi all’acquisto degli F35? – Gli sviluppi del governo Monti sugli F35: il gioco delle 3 carte … 30.000 militari di carriera da riposizionare in 20 anni: F35 salvi Tutti i rischi dell’operazione F35: – lavoro, + armi I costi della difesa italiana: 23 miliardi di euro, F35 esclusi Partiti politici: la mappa dei pro e dei contro gli F35 Le reazioni di cittadini e società civile: il fronte del No F35….
1 ….
2 ….
3 …. 4 …. 5 …. 6 …. 7 …. 8 …. 9 ….10
Argomenti: