Giro d’Italia 2017 11 tappa: percorso e altimetria della Firenze – Bagno di Romagna

Tutto sulla undicesima tappa del Giro d'Italia 2017: informazioni e percorso della Firenze - Bagno di Romagna.

di , pubblicato il
Tutto sulla undicesima tappa del Giro d'Italia 2017: informazioni e percorso della Firenze - Bagno di Romagna.

Primo tappone appenninico per il Giro d’Italia 2017, che nella 11 tappa di domani, mercoledì 17 maggio, affronta la Firenze – Bagno di Romagna, per un totale complessivo di 161 km. Nonostante nessuna delle salite sia segnalata come gran premi della montagna di prima categoria, i corridori non avranno un attimo di tregua, sempre impegnati o in salita o in discesa, fino al traguardo. Quattro i colli che, nella giornata di domani, il gruppo affronterà, dopo la cronometro odierna con arrivo a Montefalco (partenza da Foligno).

Tappone appenninico

La prima salita della undicesima tappa del Giro d’Italia 2017 è il Passo della Consuma, con la cima posta a 1.060 metri. Si parte da Firenze. Da qui passeranno 15 km, gli unici in pianura della tappa odierna, prima dell’inizio della scalata al primo colle, per 1.000 metri di dislivello in 16 km. Dopo la discesa del Passo della Consuma la strada torna a salire per arrivare in cima al Passo della Calla (1295 metri). A differenza della prima salita (gpm di 2 seconda categoria), il Passo della Calla è indicato come gran premio della montagna di terza categoria.

I corridori affronteranno poi un lungo tratto in discesa, 30 km che li porteranno in località Santa Sofia, da dove poi inizierà la salita al Passo del Carnaio (770 metri). Lo scollinamento all’ultima salita di giornata (Monte Fumaiolo, 1.347 metri) è posto al km numero 136. Mancheranno altri 25 km per arrivare al traguardo, quasi tutti in discesa, eccetto il finale, con gli ultimi 3 km in falsopiano tendente leggermente a salire. Tappa adatta più alle fughe che agli uomini di alta classifica, anche se, visto il tratto in discesa e la difficoltà oggettiva del Fumaiolo, che presenta pendenze negli ultimi km di salita tra il 10 e 12 per cento, non è da escludere un attacco in discesa di alcuni specialisti, come il nostro Vincenzo Nibali.

Perché il Giro, Savoldelli docet, si può vincere anche in discesa.

La tappa di dopodomani sarà la Forlì – Reggio Emilia, una delle ultime chance per i velocisti per incrementare il loro bottino di vittorie.

Argomenti: , ,