Giorni della merla 2017: quando cadono, perché si chiamano così e la leggenda

Quando cadono, perché si chiamano così , leggenda e i canti popolari dei giorni della merla 2017.

di , pubblicato il
Quando cadono, perché si chiamano così , leggenda e i canti popolari dei giorni della merla 2017.

I giorni della merla stanno arrivando. La tradizione, infatti, vuole che gli ultimi tre giorni di gennaio ovvero il 29, il 30 ed il 31 siano ricordati come i Giorni della merla per indicare uno dei periodi più freddi dell’anno. Ma quale è la leggenda legata alla merla? Ecco le info a riguardo.

Giorni della merla 2017: perché si chiamano così e la leggenda

Le leggende legate ai giorni della merla sono tante ma la protagonista assoluta è sempre la merla. La versione più antica narra di quando Gennaio non aveva ancora 31 giorni ma soltanto 28. Tale mese era un burlone e scherzava sempre con una merla della quale era anche un pò invidioso per la sua bellezza e per le sue penne molto bianche. Gennaio cercava di ostacolarla in ogni modo e, quando la povera bestia usciva per cercare il cibo, il mese scatenava delle terribili bufere di vento e di neve.

La merla, quindi, si stufò della situazione e chiese a gennaio di durare di meno. Ovviamente il mese le rispose di non poterla accontentare in quanto la sua durata era stabilita dal calendario. La merla, allora, non disse più nulla e l’anno seguente portò molto cibo nella sua tana in modo tale da restare al riparo per tutti e 28 giorni senza uscire.

Al finire di tale tempo, la merla uscì dalla sua tana ed iniziò a prendere in giro Gennaio che si adirò talmente tanto che chiese al fratello Febbraio di prestargli 3 giorni dato che lui ne aveva 31. Il secondo mese dell’anno restò perplesso da tale richiesta ma alla fine acconsentì. Gennaio tornò quindi dalla merla e scatenò una bufera di neve che durò addirittura 3 giorni. Il povero uccello, che era uscito alla ricerca del cibo, non riuscì nemmeno a trovare la sua tana per cui, per ripararsi dalla neve, si rifugiò in un comignolo. Trascorsi quei giorni, poi, uscì da tale luogo sano e salvo ma le sue penne da bianche erano diventate nere per la fuliggine ed il fumo.

Da quell’istante, quindi, la merla divenne nera e gennaio ebbe sempre 31 giorni.

Giorni della merla 2017: i canti e la leggenda in provincia di Cremona

In alcune regioni di Italia è tradizione riproporre alcuni canti popolari durante i giorni della merla. In alcuni paesi della provincia di Cremona, ad esempio, è tradizione riunirsi davanti ad un falò o sul sagrato di una chiesa per intonare dei canti indossando abiti contadini. Le donne calzano gonna e scialle mentre gli uomini il cappello ed il tabarro ovvero il mantello. I testi delle canzoni, però, sono diversi di paese a paese ma il tema ricorrente è sempre lo stesso ovvero l’amore e l’inverno.

I giorni della merla nei paesi della provincia di Cremona cadono il 30 e 31 gennaio ed il 1 febbraio. La leggenda narra che vi fu un gennaio molto mite per cui i merli che erano bianchi iniziarono a sbeffeggiare tale mese per non aver portato nemmeno un pò di freddo. Gennaio, quindi, si arrabbiò e per vendicarsi degli uccelli scatenò una tremenda bufera di neve. Anche febbraio lo aiutò per cui arrivò un freddo polare. I merli, quindi, per salvarsi, si rifugiarono nei comignoli e così divennero neri. Per le info su altri eventi in Italia, leggete anche: Carnevale Acireale 2017, ecco il programma con tutte le date e Cioccolentino 2017, programma, eventi e date della festa del cioccolato per San Valentino.

Argomenti: , ,