Festa delle donne, perché si festeggia l’8 marzo e qual è il suo significato

Perché l'8 marzo si festeggia la festa delle donne? Cosa simboleggia la mimosa e qual è il senso della celebrazione?

di , pubblicato il
festa 8 marzo

Pronti a regalare tante mimose alle vostre amiche donne? Ecco una delle celebrazioni più attese dell’anno, la festa della donna, ma perché si celebra l’8 marzo, e qual è il suo vero significato? Scopriamolo insieme.

Festa delle donne, curiosità

Molti si chiedono perché l’8 marzo si festeggia questa ricorrenza, altri invece, soprattutto le femministe, si chiedono perché questa festa in generale, che senso ha festeggiarla. In effetti, non hanno tutti i torti. Non esiste ad esempio la festa degli uomini, regalare un giorno di celebrazione a qualcosa è un po’ come riconoscerlo diverso, inferiore. Molte donne infatti si sentono in realtà offese da questa ricorrenza e probabilmente sarebbe giusto abolirla, visto che ormai la condizione tra uomo e donna ha raggiunto (più sulla carta che nella pratica) una totale parità.

Dobbiamo però tener presente che prima non era così, se pensiamo che ad esempio che in Italia le donne hanno ottenuto il diritto al voto solo nel 1946. Ma come nasce questa data dell’8 marzo? Dobbiamo precisare che ogni paese fino a qualche decennio fa aveva la sua data. La festa fu lanciata dalle donne socialiste durante la loro prima conferenza internazionale nel 1910. Fino al 1921 in realtà ogni paese aveva la sua data, ma dopo la Seconda conferenza delle donne comuniste a Mosca venne approvata una data unica, l’8 marzo appunto, che ricordava anche la manifestazione contro lo zarismo delle donne di San Pietroburgo.

Festa della donne, la mimosa e non solo

La celebrazione del gentil sesso prende spunto da una tragedia, quella dell’incendio del 1857 di una fabbrica nella quale morirono tante lavoratrici. Come dicevamo, il simbolo per eccellenza di questa festività è la mimosa. Non c’è un motivo particolare, la storia infatti sembra essere molto semplice; nel 1946 alcune donne si accingevano a celebrare la propria festa e scelsero questo fiore per la sua bellezza per adornare la giornata e il luogo d’incontro della ricorrenza.

Inoltre, è il simbolo della primavera, quindi della rinascita ciclica.

Potrebbe interessarti anche Pasqua 2022 tra riaperture e nuove misure anti-covid: cosa cambia e che vacanze faremo

Argomenti: