Festa della Repubblica, curiosità sulla celebrazione e perché il 2 giugno

Oggi è il 2 giugno, la festa della Repubblica, ecco alcune interessanti curiosità in merito a questa importante ricorrenza.

di , pubblicato il
festa della repubblica

Oggi è un giorno importante per l’Italia, si celebra infatti la festa della Repubblica. Ma perché ogni anno si festeggia in questa data, ossia il 2 giugno? Scopriamo insieme quali sono le curiosità legate a questo particolare evento del nostro paese.

Curiosità sulla festa della Repubblica

La domanda nasce spontanea in merito al perché di questa data per celebrare questa ricorrenza relativa alla nostra Repubblica. La risposta però non è altrettanto scontata. Verrebbe da dire che il 2 giugno è stato scelto come anno della fondazione di tale Repubblica, ma in realtà i motivi sono altri. Ci sono infatti due motivazioni in merito a questa ricorrenza da celebrare in tale data. Il primo è da collegarsi al referendum del 1946 che chiese appunto agli italiani  che forma dare al nuovo stato che si stava creando dopo la caduta del fascismo. l referendum costituzionale scelse tra Repubblica e Monarchia,

54,3 Repubblica, 45,7 Monarchia, un gap sicuramente chiaro, ma non certo schiacciante, anzi non mancarono all’epoca grosse proteste relative una possibile combine alle urne. Non un plebiscito insomma, come molti potrebbero pensare oggi, anzi come detto non mancarono le polemiche in merito a possibili brogli elettorali. Ma torniamo al senso del 2 giugno e come detto c’è anche un altro motivo per tale ricorrenza, ossia la morte di Garibaldi, che avvenne appunto il 2 giugno del 1882. Il Giuseppe nazionale rappresenta ancora oggi e lo sarà per sempre l’emblema del nostro paese, in quanto a lui si deve la sua unità come nazione.

Festa della Repubblica oggi

Anche in questo 2022 la cerimonia prevede l’alzabandiera solenne all’Altare della Patria e l’omaggio al Milite Ignoto con la deposizione di una corona d’alloro da parte del Presidente della Repubblica alla presenza della massime cariche dello Stato. Negli scorsi due anni la cerimonia è stata particolarmente sobria in virtù delle norme anti covid, finalmente invece quest’anno potremo assistere a una festa con tutti i crismi, visto che ormai la pandemia sembra avviarsi verso la sua fase calante del contagio.

Potrebbe interessarti anche Stop al cognome del padre attribuito automaticamente, ecco come vince il principio di eguaglianza

Argomenti: